Monday, July 2, 2018

Open Geomancy Group Morobbia Valley (TI) 27-28.04.2017 Report - The Adventure Goes On…

Maria Teresa De Donato. PhD
Traditional Naturopath, Homeopath, Life Strategist, Author









The Adventure Goes On…


As December 2017 article I prepared the Report of the Open Group of Geomancy 
and their excursion to the Binn Valley on October 20 and 21. 
As already mentioned on that occasion, this is a group of volunteers who meet 
periodically to make excursions with the sole intent of helping Mother Earth to heal 
herself.  The evil that the human being has perpetrated against the planet Earth 
especially in recent decades is indescribable and in many cases it seems that we have 
reached a point of no return.
 
The Earth, however, if we help her, has the ability to recover. While each of us can 
participate in this process through personal choices related to lifestyles, products to 
buy and to use or not, and respect for the environment, our group of friends do it by 
operating on specific energy flows that each environment and every area of ​​the 
Earth emanate.
 
The discourse related to energy forces and flows is a feature that unites, in fact, 
albeit in a different way, all the holistic methods including Homeopathy, Traditional 
Chinese Medicine, Chakras and the Theory of Yin and Yang, the Kundalini Energy, 
Feng Shui and Geomancy. And these are just some examples that can help us to 
have a better idea of ​​how and to which areas - environment and health in 
the first place - the concept of energy and energy flows can be applied.
 
Geomancy specifically, as understood and applied by the friends of this wonderful and 
very active group, aims, through periodic excursions, at ensuring that all the participants 
are attuned to the energies of the specific places they are visiting, and through a process 
of total osmosis with Nature, they absorb or at least identify the type of energies present 
in those areas, and, by means of rituals based on intentions and specific visualizations, 
purify the negative ones, also removing the stagnant ones in such a way as to allow the 
Cosmic Energy Chi/Qi/Prana/Cosmic Breath of the Universe to resume flowing smoothly, 
dynamically and positively in harmony with its very nature and purpose.
 
That said, I wish you all to enjoy the reading of this wonderful adventure along with all 
of us.





Open Geomancy Group

Morobbia Valley (TI) 27-28.04.2017 Report





After the winter break, we continue with our project, energy lines from the center of gravity of Switzerland in the eight cardinal directions to the state border.  This time we will be heading to the southeast to the Morobbia Valley in (Canton) Ticino.

It is an inhabited, narrow side valley in Ticino, which is accessible from Bellinzona.  We pass Vellano and Carena and drive as far as we as the road allows us to.  Shortly after the last houses a barrier blocks the onward journey, which means that from now on we will need to continue our journey on foot. Through a beautiful beech forest we climb up to the Giumello Alp.  The path is steep and because of the snowy winter we soon cross the first snowfields.  At first it's just snow, but it does not take long that we find ourselves in the middle of a misty snowy landscape, sinking our knees in deep snow. That's not how you imagine Switzerland, that is "the sun terrace" of the world!




Some two hours later we reach the alp and here the snow shows us our limits: 
here it reaches our waist level.  From here reaching the border of Bochetta 
of Albano and from there the summit of  Mottone of Giumello (m.2027 above 
sea level) is simply impossible. Bottom line: plan change. 
We need to find a suitable place to anchor the energy center of the heart center. 
A look around quickly shows that the alp is not suitable.  While 
climbing, Christoph sees a snow-free field with large trees just before the Alp 
and makes the suggestion to follow that path.  But before we leave, let's have a 
picnic break.
    
 
 
 
 
 
Ritual
 
Some 3 minutes below the Alp we find the place we have been looking for: four 
trees form a unit and next to it are two more trees.  We are all drawn to the four 
trees where we feel we are, indeed, in the right place.





As always, valuable ideas flow in from all participants, so that at the end a 
powerful ritual takes place. This time we notice a special point between the 
trees, it is like the heart center of a group of trees.  At this point we arrange all 
utensils: three stones from the Älggi alp, incense sticks, holy wood, beautiful 
moss lichen and pine cones collected along the way and of course the potentized 
healing water from the Älggi alp itself.  We are already at the D28 potency. 
Andrea has filled a small and a large bottle with the D28 solution.  To address 
multiple levels of consciousness, she has poured the unused portions of D1-D27 
into a small and a large bottle. The small bottles are buried and the contents of the 
big bottles are distributed at the anchor point of the energy line.
 
As a reminder to anyone who does not know anything or who is reading a report 
for the first time: Daniel Kormann grinded a stone from the Älggi alp, which he 
had found together with Andrea under the fir trees just below the symbolic center 
of gravity.  Andrea added to the powder 40% of alcohol and exposed it to the sun.  
This first mixture got energized then.  This means: 1 part of stone mixture and 9 
parts of 25% alcohol are poured into a bottle and shaken well.  Afterwards, the 
bottle is hit 28 times with the hand or against a cushion.  That provides D1.  Then 
1 part of D1 and 9 parts of 25% alcohol are mixed, shaken and hit again.  That 
provides D2.  Andrea continued until she obtained D28 potency.
 
I would like to explain briefly why there are three stones this time.  The stones 
from the Älggi alp are in my garden, next to the Yin-Yang sign.  Every time we 
need to select two stones for the next geomancy meeting, I let myself guide which 
stones are the right ones by using the pendulum.  This time it clearly showed me two 
stones as well as a heart shaped third one.  There is a lot of hatred towards Europe 
from the south-east, so that the heart shaped stone is still very much needed here.





The heart shaped stone is placed in the southeast direction.
Today we are nine people, five women and four men.  We form a circle around the 
heart center and each of us turns in one direction, alternating men and women so 
that it feels right for everyone.  Four women are each in the main sky, a woman is 
placed in the middle.




Christoph starts with an introduction.  We connect to Älggi alp and pull the energy 
from there to here, to the border in the southeast.  I stand in the middle of the circle with a southeast view and feel how the energy flows here and really pushes me forward.  The energy lines we draw for our project seem to get stronger every time we work on it.  I really have to push back so I do not tip over.  After a while I let the force lead me to the southeast and go to Michael, who marks the direction southeast.  I give him five drops of Aura-Soma "Lady Nada = boundless love" on his palms.  Moving clockwise, I then go to one person after the other and repeat this process.  Thus, the flow of energy is reinforced again and impregnated with the information "infinite love".  Nathalie ignites an incense stick first in the center and then of all women in the main celestial directions.  Soon a soft scent of sandalwood envelops us.  The fog starts to dissipate little by little and pale sunbeams hit "our" anchoring point.  What a nice signal!  Next, I use a sack knife to swoop sacred wood onto the anchorage point and then, to allow the yin transformation to strengthen the earth, I pass the sack knife and sacred wood on to all participants.
Then we put the stones, the moss lichen, pine cones and the two small bottles with D28 in an already existing hole next to us and splash each one in turn the D28 at the anchor point.  All the while, Nathalie mumbles a mantra, and Michael repeats a mantra several times.
While Stephan, Michael, Daniel and Christoph line up in the four main celestial directions, we women (Petra, Nathalie, Nadine, Sonja and me) take the big bottle of D1-D27 and walk together to the four trees of the anchorage point.  There we distribute the potentiated water.  Lastly, we go to two trees that are slightly out of the way, symbolizing for us the land beyond the border, and spray the rest of the water there.  Although borders are important, we want to symbolize that our work does not end at the border, but also radiates further.  Borders should not be understood as a separation but as a mutual respect for being different.




Further information
 
Daniel shares with us the information about which chakra is assigned to which 
direction:

• Root Chakra - Southeast

• Sacral Chakra - South

• Solar plexus chakra - west

• Front Heart Chakra - Northeast

• Rear Heart Chakra - Southwest

• Throat Chakra - north

• Head Chakra - East

• Crown Chakra - Northwest
 
 

Excursion to Carena to the former hammer mill
 
After a homy breakfast in the simple but lovingly decorated Osteria in Vellano 
we drive to Carena.  Andrea and Julian, who yesterday pursued their own 
program, are also part of the game today.
In Carena are the ruins of a former smithy.  Here in the second half of the 
fifteenth century and in the period between 1700 and 1800 iron was mined 
and processed.  In addition to the blast furnace and the hammer mill, the plant 
included lodgings, coal warehouses, forge ovens and ore processing facilities.





The hammer mill is part of the themed route "Via del Ferro" (Iron Way), which leads to former sites of the iron and mining industry and dominated the area of ​​the upper Morobbia Valley.  On the way there are other impressive testimonies to discover from that time: the mysterious mines and the Schau-Kohlenmeiler.  At this historic place, we agree to a perception.  It is always fascinating to find that the perceptions are different, and yet they fit together perfectly and give a holistic picture.  
Here are the most important findings summarized:  


Stephan

Hard work was done here and inhumane conditions prevailed.  The iron removal occurs to me like mosquito bites in the earth.  But these are well scarred, because it is not a problem to exploit the earth if you do it by hand and with the necessary respect.  Therefore, no negative or heavy energy is felt here, it is a very idyllic place.  Today most people work differently, without respect.  These scars that we are now bringing to Earth are much worse.  We should strive for one-off benefits, give and take should be in balance.  


Julian

He puts a stone in our midst, which stores all the information we now exchange with each other.   He then takes this stone home.


Michael

The work to be done here could only be managed jointly.  Everyone was 
dependent on each other.  However, even when one is dependent on each 
other, it is important that personal freedom is upheld.
 

Sonja

I felt a light and good energy and a lot of gratitude for what we were doing.
 

Daniel

Here, iron was mined, which was subsequently exported, thus linking the 
small valley with the world.  Iron as a connection to the outside.  Iron is also 
ambiguous for me: on the one hand, it was used for innovations, on the other 
hand for swords. We are here in the southeast, the root chakra.  
Here we can dock particularly well with the energy and pass on this power 
as well.
 

Nathalie

I feel how hard work was done here, away from everything.  In this place, 
I am particularly aware that we are here only thanks to our ancestors.  
That we only have everything thanks to our ancestors.  I feel a great 
gratitude to all that has been done before us.
 

Nadine

A powerful, very crooked tree at the end of the site caught my attention.  
It looked like a transition.  I really sat down there.  I felt very secure and 
could still see everything.
 

Christoph

Although it is a ruin, the ruin still lives on.  On another level, as a story, 
as a reminder of our ancestors and of their achievements.  Thus, the ruin 
still fulfills an important function and thus continues to be allowed to do so.
 

Andrea

I got into the energy of rushing, exploiting, ever higher performance, 
more and more production pressure.  It is important that we respect all 
destinies.  Because it is only thanks to the achievements of all fates that 
we are today where we are.
 

Sandy

I felt the connection of the Älggi alp in this valley and how the river 
carries this energy through the Ticino.  This is especially important as the 
inhabitants of Ticino always feel a bit disconnected from Switzerland.  
Thanks to this project, we are rooting with the earth, with Switzerland in 
a very special way.  The connection from the heart of Switzerland to the 
national borders is getting stronger every time.  If we have moved the 
energy lines in all eight directions to the border, it is crucial that we go 
back to the Älggi alp and perform there the final ritual of this project.  
So we go back to the origin and close the energy cycle.






Report written by Sandy Stewart

Rapporto gruppo aperto di geomanzia Valle Morobbia (TI) 27-28 aprile 2018 - L'avventura continua ...

Dr.ssa Maria Teresa De Donato
Naturopata Tradizionale, Omeopata, Life Strategist, Autrice





L'avventura continua ...



Quale articolo di dicembre 2017 vi avevo presentato la Relazione del Gruppo 
Aperto di Geomanzia sulla loro escursione nella Binntal del 20 e 21 Ottobre.
Come già accennato in quella occasione, questo è un gruppo di volontari che si 
riunisce periodicamente per fare delle escursioni con il solo intento di aiutare 
Madre Terra a sanarsi.  Il male che l’essere umano ha perpetrato ai danni del 
Pianeta Terra soprattutto negli ultimi decenni è indescrivibile ed in molti casi 
sembra che si sia arrivati ad un punto di non-ritorno.
 
La Terra, tuttavia, se aiutata da parte nostra, ha in sé la capacità di recuperare.  
Mentre ognuno di noi può partecipare a questo processo attraverso scelte di stili 
di vita, di consumo e prodotti da acquistare e da usare o non, e rispetto nei 
confronti dell’ambiente, il nostro gruppo di amici lo fa operando sui flussi 
energetici specifici che ogni ambiente ed ogni area della Terra emanano.  
 
Il discorso legato alle forze e ai flussi energetici è una caratteristica che 
accomuna, di fatto, anche se in modo diverso, tutte le metodologie olistiche tra 
cui l’Omeopatia, la Medicina Tradizionale Cinese, i Chakra e la Teoria di Yin e 
Yang, l’energia Kundalini, il Feng Shui e la Geomanzia.  E questi sono solo 
alcuni esempi che possono rendere l’idea di come ed in quali ambiti – ambiente 
e salute in primis – il concetto di energia e di flussi energetici può essere applicato.
 
La Geomanzia nello specifico, così come intesa ed applicata dagli amici di questo 
meraviglioso e molto attivo gruppo, mira, attraverso escursioni periodiche, a far sì 
che tutti i partecipanti si sintonizzino con le energie degli specifici luoghi che 
vengono visitati, e attraverso un processo di osmosi totale con la Natura, essi 
assorbano o quantomeno identifichino la tipologia di energie in essi presenti, e, per 
mezzo di rituali basati su intenzioni e visualizzazioni precise, purifichino quelle 
negative rimuovendo anche quelle stagnanti in modo tale da consentire all’Energia 
Cosmica Chi/Qi/Prana/Respiro Cosmico dell’Universo di riprendere a scorrere in 
maniera fluida, dinamica e positiva in armonia con la sua natura ed il suo scopo.
 
Detto questo, auguro a voi tutti una buona lettura e di godervi quest’altra splendida 
avventura insieme a noi tutti.

 
Rapporto gruppo aperto di geomanzia
Valle Morobbia (TI) 27-28 aprile 2018
 


Dopo la pausa invernale, continuiamo con il nostro progetto, le linee energetiche dal 
centro di gravità della Svizzera nelle otto direzioni cardinali al confine di stato.  
Questa volta ci dirigiamo a sud-est, nella valle della Morobbia, nel Canton Ticino.
 
È una valle laterale abitata e stretta in Ticino, che è accessibile da Bellinzona.  
Superiamo Vellano e Carena e guidiamo fino a dove la strada ce lo permette.  Poco 
dopo l'ultima casa una barriera blocca il proseguimento del viaggio, il che significa 
che d'ora in poi dobbiamo continuare il nostro cammino a piedi.  Attraverso un 
bellissimo bosco di faggi risaliamo l’alpe Giumello. Il sentiero è ripido e a causa 
dell'inverno nevoso attraverseremo presto i primi nevai.  All'inizio è solo neve, ma 
ben presto ci troviamo nel bel mezzo di un nebbioso paesaggio innevato, affondando 
le ginocchia nella neve alta.  Non è così che immagini la Svizzera, questa “terrazza 
del sole”!



Dopo circa due ore raggiungiamo l'alpe e qui la neve ci mostra i nostri limiti: qui 
arriva al livello della nostra vita.  Da qui raggiungere il confine con la Bocchetta di 
Albano e da lì la cima del Mottone di Giumello (2027 m sul livello del mare) è 
semplicemente impossibile.  Per farla breve: cambio di programma.  Dobbiamo 
trovare un luogo adatto per ancorare il centro energetico del centro del cuore.  
Uno sguardo in giro mostra rapidamente che l'alpe non è adatta.  Durante 
l'arrampicata, Christoph ha visto un campo innevato con grandi alberi poco prima 
dell'alpe e suggerisce di seguire quel sentiero.   Ma prima di partire, facciamo una 
pausa per il picnic.
Rituale
Circa 3 minuti sotto l'Alpe troviamo il luogo che stavamo cercando: quattro alberi formano un'unità e accanto ad essa ci sono altri due alberi.  Siamo tutti attratti dai quattro alberi e sentiamo di essere davvero nel posto giusto.
Come sempre, idee preziose arrivano da tutti i partecipanti, così alla fine ha luogo
un potente rituale.  Questa volta notiamo un punto speciale tra gli alberi, è come il 
centro del cuore di un gruppo di alberi.  A questo punto disponiamo di tutti gli 
utensili: tre pietre dell'alpe di Älggi, bastoncini di incenso, legno sacro, licheni di 
muschi e pigne raccolte lungo il percorso e naturalmente la stessa acqua curativa 
potenziata dall'alpe di Älggi. Siamo già alla potenza D28.  Andrea ha riempito una 
bottiglia piccola ed una grande con la soluzione D28.  Per raggiungere più livelli di 
consapevolezza, ha versato le porzioni inutilizzate di D1-D27 in una bottiglia piccola 
e in una grande.  Le bottiglie piccole vengono interrate e il contenuto delle grandi 
viene distribuito nel punto di ancoraggio della linea di energia.
Come promemoria per chi non conoscesse ancora (il precedente rapporto) o per chi 
leggesse il nostro rapporto per la prima volta: Daniel Kormann ha macinato una pietra 
dall'alpe di Älggi che aveva trovato insieme ad Andrea sotto gli abeti appena sotto il 
simbolico centro di gravità. Andrea ha aggiunto alla polvere il 40% di alcol e lo ha 
esposto al sole.  Questa prima miscela ha, quindi, acquistato potenza. Ciò significa: 
1 parte di miscela di pietra e 9 parti di alcool al 25% vengono versate in una bottiglia 
e agitate bene.  Successivamente, la bottiglia viene colpita 28 volte con la mano o contro 
un cuscino.  Questo fornisce [la potenza] D1.  Quindi 1 parte di D1 e 9 parti di alcool al 
25% vengono mescolate, agitate e colpite di nuovo.  Questo produce [la potenza]  D2. 
Andrea ha continuato fino a quando non ha ottenuto la potenza D28.
Vorrei spiegare brevemente perché questa volta ci sono tre pietre.  Le pietre dell'alpe di 
Älggi sono nel mio giardino, accanto al segno Yin-Yang.  Ogni volta che abbiamo 
bisogno di selezionare due pietre per la prossima riunione di geomanzia, mi lascio 
guidare dal pendolo per scegliere quelle giuste.  Questa volta mi ha mostrato chiaramente 
due pietre e una terza a forma di cuore.  C'è molto odio verso l'Europa da sud-est, quindi qui 
la pietra a forma di cuore è veramente necessaria.
La pietra del cuore è posizionata nella direzione sud-est.
Oggi siamo nove persone, cinque donne e quattro uomini.  Formiamo un cerchio attorno al 
centro del cuore e ognuno di noi si gira in una direzione, alternando uomini e donne in modo 
che ci sia equilibrio fra noi tutti.  Quattro donne sono diposte nel cielo principale, una donna 
è posta nel mezzo.
  
Christoph inizia con una presentazione.  Ci sintonizziamo con l’alpe Älggi e trasportiamo 
l'energia da lì a qui, al confine sud-est.  Mi trovo nel mezzo del cerchio con una vista verso 
sud-est e sento come l'energia scorre qui e mi spinge davvero avanti.  Le linee energetiche 
che disegniamo sembrano diventare più forti ogni volta che lavoriamo al nostro progetto.  
Devo davvero oppormi con forza a quest’energia affinché non abbia la meglio su di me e 
mi faccia cadere per terra.  Dopo un po' lasciai che la forza mi conducesse a sud-est e da 
Michael, che segna la direzione sud-est.  Metto cinque gocce di Aura-Soma "Lady 
Nada = amore senza limiti" sui suoi palmi.  Muovendomi in senso orario, vado da una 
persona all'altra e ripeto questo processo.  In tal modo, il flusso di energia viene 
nuovamente rinforzato e impregnato con l'informazione "amore infinito". Nathalie 
accende un bastone di incenso prima al centro e poi a tutte le donne nelle principali 
direzioni celesti.  Ben presto un delicato profumo di sandalo ci avvolge.  La nebbia inizia 
a dissiparsi a poco a poco e i pallidi raggi di sole colpiscono il "nostro" punto di 
ancoraggio.  Che bel segnale!  Successivamente, uso un coltello da sacco per picchiare il 
legno sacro sul punto di ancoraggio e poi, affinché la trasformazione yin rafforzi la terra, 
passo il coltello da sacco e il legno sacro a tutti i partecipanti.
Poi mettiamo le pietre, il lichene di muschio, le pigne e le due piccole bottiglie con D28 
in una buca già esistente accanto a noi e spruzziamo ciascuno a turno la D28 al punto di 
ancoraggio.  Nel frattempo, Nathalie recita un mantra e Michael ripete più volte un mantra.
Mentre Stephan, Michael, Daniel e Christoph si allineano nelle quattro direzioni celesti 
principali, noi donne (Petra, Nathalie, Nadine, Sonja e io) prendiamo la grande bottiglia di 
D1-D27 e, camminando insieme, raggiungiamo i quattro alberi del punto di ancoraggio.  
Lì distribuiamo l'acqua potenziata.  Infine, andiamo a due alberi che sono leggermente fuori 
mano, che simboleggiano per noi la terra oltre il confine, e spruzziamo il resto dell'acqua lì.  
Anche se i confini sono importanti, vogliamo simbolizzare che il nostro lavoro non si ferma 
al confine, ma si irradia ulteriormente.  I confini non dovrebbero essere intesi come una 
separazione, ma come un rispetto reciproco per essere diversi.
Ulteriori informazioni
Daniel condivide con noi le informazioni su quale chakra è assegnato a quale direzione:
• Chakra della radice - Sud-est
• Chakra sacrale - Sud
• Chakra del plesso solare - ovest
• Chakra del cuore anteriore - Nordest
• Chakra del cuore posteriore - sud-ovest
• Chakra della gola - nord
• Chakra terzo occhio - Est
• Chakra corona - Northwest
Escursione a Carena all'ex mulino a martelli
Dopo una colazione casalinga semplice ma amorevolmente decorata nell'osteria di Vellano, guidiamo fino a Carena.  Oggi anche Andrea e
Julian, che ieri hanno seguito il loro programma personale, prendono parte al
gioco.  A Carena ci sono le rovine di una ex fucina.  Qui nella seconda metà del
XV secolo e nel periodo tra il 1700 e il 1800 il ferro veniva estratto e lavorato.  
Oltre all'altoforno e al mulino a martelli, l'impianto comprendeva alloggi,
depositi di carbone, forni di forgia e impianti di lavorazione del minerale.  
Il mulino a martelli fa parte dell'itinerario tematico "Via del Ferro", che conduce
agli ex siti dell'industria del ferro e delle miniere e dominava l'area dell'Alta
Valle della Morobbia.  Sulla strada ci sono altre testimonianze impressionanti da scoprire di quel periodo: le misteriose miniere e la Schau-Kohlenmeiler.  In questo luogo storico, condividiamo una percezione.  È sempre affascinante scoprire che le percezioni sono diverse, ma tuttavia si adattano perfettamente e rendono un quadro olistico.
Ecco i risultati più importanti riassunti:
Stephan

Un duro lavoro è stato fatto qui e le condizioni disumane hanno prevalso.  La 
rimozione del ferro mi sembra come punture di zanzara sulla terra.  Ma questi 
sono ben segnati, perché non è un problema sfruttare la terra se lo fai a mano e 
con il dovuto rispetto. Pertanto, qui non viene percepita nessuna energia negativa 
o pesante, è un luogo molto idilliaco.  Oggi la maggior parte delle persone lavora 
in modo diverso, senza rispetto. Queste cicatrici che stiamo ora portando sulla 
Terra sono di gran lunga peggiori.  Dovremmo cercare di ottenere benefici una 
tantum, dare e avere dovrebbero essere in equilibrio.
Julian

Mette una pietra in mezzo a noi, che assorbe tutte le informazioni che ora 
scambiamo gli uni con gli altri.  Poi porta questa pietra a casa.
 

Michael

Il lavoro da svolgere qui potrebbe essere gestito solo congiuntamente.  
Ognuno di noi era dipendente dall'altro.  Tuttavia, anche quando uno dipende 
dall'altro,  è importante che la libertà personale sia rispettata.
 

Sonja

Ho sentito una luce, una buona energia e molta gratitudine per quello che 
stavamo facendo.
Daniel

Qui veniva estratto il ferro, che veniva successivamente esportato, collegando 
così la piccola valle con il mondo.  Ferro come connessione verso l'esterno.  
Anche per me il ferro è ambiguo: da un lato è stato usato per le innovazioni, 
dall'altro per le spade. Siamo qui nel sud-est, il chakra della radice.  Qui 
possiamo sintonizzarci particolarmente bene con l'energia e trasmettere 
anche questo potere.
 

Nathalie

Sento quanto sia stato duro lavorare qui, lontano da tutto.  In questo posto 
sono particolarmente consapevole che siamo qui solo grazie ai nostri antenati.  
Che abbiamo tutto solo grazie ai nostri antenati.  Sento una grande gratitudine 
per tutto ciò che è stato fatto prima di noi.
 

Nadine

Un albero potente e molto storto al limite dell’area dove eravamo attirò la mia 
attenzione. Sembrava una transizione.  Mi sono seduta proprio lì.  Mi sentivo 
molto sicura e potevo ancora vedere tutto.
 

Christoph

Anche se si tratta solo di resti, i resti vivono ancora.  Ad un altro livello, 
come una storia, come promemoria dei nostri antenati e dei loro successi. 
I resti svolgono ancora una funzione importante e continuano ad essere 
autorizzati a farlo.
Andrea
L'energia che ho ricevuto è stata un’energia che portava in se un senso di velocita, di sfruttamento, di prestazioni sempre più elevate,
di pressione pe run incremento di produttivà.  È importante rispettare tutti i
destini.  Perché è solo grazie ai risultati di tutti i destini che siamo oggi
dove siamo.
Sandy
Ho sentito il collegamento dell'alpe di Älggi in questa valle e di come il fiume
trasporta questa energia attraverso il Ticino. Ciò è particolarmente importante in quanto gli abitanti del Ticino si sentono sempre un po' disconnessi dalla Svizzera.  Grazie a questo progetto, ci stiamo legando alla terra, alla Svizzera in
un modo molto speciale.  La connessione dal cuore della Svizzera alle frontiere nazionali si rafforza ogni volta.  Se abbiamo spostato le linee di energia in tutte e otto le direzioni fino al confine, è fondamentale tornare all'alpe Älggi e
eseguire lì il rituale finale di questo progetto. Quindi torniamo all'origine e
chiudiamo il ciclo energetico.
Rapporto scritto da Sandy Stewart