Thursday, October 23, 2014

We Are What We Digest and Absorb: The Amazing World of Enzymes

by


Maria Teresa De Donato, PhD, RND, CNC, CMH, CHom




Despite the old saying going “We are what we eat” the true of the matter is that we are what we are able to digest and absorb. In fact, unless the food we eat can be both digested and absorbed, their nutrients cannot accomplish their purpose, that is to nourish our body.

In this regard, the enzymes, which are chemical compounds, play a major role by digesting and breaking down into smaller parts the food we eat. As consequence of their activity, proteins are reduced to amino acids; complex carbohydrates to simple sugars; and fat to fatty acids and glycerol. In so doing, enzymes act as catalysts of biochemical reactions in all living creatures. Being catalysts means that they are substances able to accelerate the chemical reaction so that the metabolism can work properly and faster in order to sustain life.

When we speak about enzymes it's important to understand a couple of things: first, that though enzymes are catalysts not all catalysts fall into the category of enzymes, and secondly, that despite many may describe enzymes as special proteins containing energy, their energy is limited and the enzymes work as long as they have that energy. Once they run out of energy their activity as catalysts ends and they become normal proteins.

Though enzymes are not alive and, consequently, do not die, they can, however, become either “inactive” or denatured”. Their inactivity may be caused by “lack of water, an incompatible temperature or incompatible pH” (acid/alkaline level) and when they reach that state their function as catalysts ends preventing them from facilitating the digestive process. By becoming “denatured”, their activity stops. Simply stated, in order to function and to do so at their best, enzymes require two components at their optimal range: pH and temperature.

Nutrients are what the body needs to produce enzymes for a deficiency in nutrients results in deficiency in enzymes, this meaning that not only the body will be deprived by the required amount of nutrients it needs to stay healthy, but also that it won't be able to properly use the nutrients it is provided with, this increasing your enzymes deficiency to an even greater extent. A good example could be zinc.

Zinc helps to produce both stomach acid and proteases, which are enzymes acting as catalysts for proteins. Being zinc deficient means that the person won't be able to break down proteins properly, this negatively impacting several organ systems, including the skin, gastrointestinal tract, central nervous system, and immune, skeletal, and reproductive systems.

Furthermore, since zinc deficiency is usually characterized by the intestinal wall not being completely intact, the result will be that the food particles which cannot be digested may penetrate the body ending up where they shouldn't. As consequence, the body will identify them as invaders, attack them, and, more often than not, cause food allergies. Once a food has been identified as an allergen, every time it is eaten the reaction in the gut will produce inflammation, the latter leading to an unbalance of the beneficial bacteria and other microorganisms in the gut.

Food allergies linked to digestive enzymes deficiency are usually responsible for your digestive disorders, this including indigestion, bloating, flatulence, digestive pain, colitis, irritable bowel syndrome, Crohn's disease or yeast infection.

The main categories of digestive enzymes are:

a) AMYLASE, which digest carbohydrates;
b) PROTEASE, which digest proteins; and
c) LIPASE, which digest fat.

Ideally, to get the best enzymes from Nature, we should eat its products, mainly fruits and vegetables, as soon as we harvest them or as soon as possible after having harvested them. The reason for this is that from the moment we remove the produces from their source which keeps them alive – be it a tree or a plant – they start losing their properties. If, to the contrary, we eat them right away without waiting hours, days, weeks or even months from the time we have harvested them, we will get the most of their nutrients and enzymes. This will facilitate and optimize both our digestion and the absorption process. Eating raw food, is consequently, the best way to boast our enzyme intake for cooking destroys enzymes.

Foods such as apples, grapes and mangoes contain the antioxidant enzymes peroxidase and catalase which both help fighting free radicals. Legumes, to the contrary, must be cooked or sprouted in order to be digested and absorbed. Only by cooking or sprouting them, in fact, their antienzyme factor can be eliminated. No need to say that legumes are very beneficial and extremely healthy and should be regularly used on our table since they are not only reach in fibers, which help the digestion process and keep our colon clean, but constitute also an excellent alternative to meat by being a precious source of (vegetable) proteins.

In conclusion, most of the diseases we know are the consequence of malnutrition and/or of enzymes deficiency: among them are some types of cancer and other debilitating diseases. In order to stay healthy we do need, therefore, to understand the fundamental role the enzymes play in our health and make sure through a proper and balanced diet that our body takes them in the right amount and quality it needs so that we can enjoy optimum health for as long as possible.

References:

Holford P. (2004). The New Optimum Nutrition Bible. Enzymes – The keys to life (pp. 154, 155). New York, NY: Random House/Crossing Press

Bohager T. (2006). Enzymes: What The Experts Know. Chapter One: What are Enzymes? (pp. 7-14)
Prescott, AZ: One World Press

Siamo ciò che digeriamo ed assorbiamo: L'incredibile mondo degli enzimi

Dott.ssa Maria Teresa De Donato 

Naturopata Tradizionale, Consulente Olistica Nutrizione ed Erbalismo, Omeopata





Malgrado il proverbio affermi che “Siamo ciò che mangiamo” in realtà noi siamo ciò che riusciamo a digerire e ad assorbire. Infatti, a meno che il cibo che mangiamo non venga sia digerito che assorbito, le sostanze nutritive in esso contenute non possono raggiungere il loro scopo, ossia nutrire il nostro corpo.

A questo riguardo, gli enzimi, che sono componenti chimici, rivestono un ruolo fondamentale nella digestione e nella riduzione in piccole quantità del cibo che mangiamo. Grazie alla loro attività, le proteine vengono ridotte in amino acidi, i carboidrati complessi in zuccheri semplici, ed i grassi in acidi grassi e glicerolo. In questo modo gli enzimi fungono da catalizzatori di reazioni biochimiche in tutte le creature viventi. Il fatto che siano catalizzatori significa che essi sono sostanze in grado di accelerare la reazione chimica in modo tale che il metabolismo possa funzionare in modo appropriato e più velocemente e sostenere così la vita.

Quando si parla di enzimi è importante capire un paio di cose: primo, che benché gli enzimi siano catalizzatori non tutti i catalizzatori appartengono alla categoria enzimi; e secondo, che malgrado molti descrivano gli enzimi come proteine speciali che contengono energia, quest'ultima è limitata e gli enzimi funzionano fin quando ne hanno. Una volta che l'energia finisce, la loro attività quale catalizzatori si esaurisce ed essi diventano proteine normali.

Benché gli enzimi non siano vivi e, di conseguenza, non muoiano, possono, tuttavia, diventare “inattivi” o “denaturati”. La loro inattività può essere causata da “carenza di acqua, una temperatura incompatibile o un pH incompatibile (livello acido/alcalino)” e quando raggiungono quello stato la loro funzione di catalizzatori finisce impendendo loro di contribuire al processo digestivo. Una volta che diventano “denaturati” la loro attività cessa. Detto in parole semplici, per poter funzionare e funzionare al meglio, gli enzimi hanno bisogno di due componenti al loro stato ottimale: pH e temperatura.

Le sostanze nutritive sono ciò di cui il corpo ha bisogno per produrre enzimi poiché una carenza di sostanze nutritive avrà come conseguenza una carenza di enzimi, il che significa che non solo il corpo sarà privato della quantità di sostanze nutritive di cui necessita per rimanere in salute, ma anche che non sarà in grado di usare le sostanze nutritive fornitegli il che porterà ad incrementare ulteriormente la carenza enzimatica. Un buon esempio può essere lo zinco.

Lo zinco aiuta a produrre sia acidità di stomaco sia le proteasi, che sono enzimi che agiscono da catalizzatori per le proteine. Essere carenti in zinco significa che la persona non sarà in grado di scomporre le proteine correttamente, il che avrà ripercussioni negative sui vari sistemi di organi, inclusi pelle, tratto gastrointestinale, sistema nervoso centrale, immunitario, scheletrico e riproduttivo.

Inoltre, poiché una carenza di zinco è caratterizzata generalmente da una parete intestinale non completamente intatta, il risultato sarà che le particelle di cibo che non possono essere digerite rischieranno di penetrare nel corpo finendo laddove non dovrebbero. A quel punto il corpo le identificherà come invasori, attaccandole e, molto spesso, causando allergie alimentari. Una volta che un cibo è stato identificato (dal corpo) come allergene, ogni volta che lo si mangerà la reazione all'interno dell'intestino causerà un'infiammazione, la quale a sua volta porterà ad uno squilibrio a livello di flora batterica benefica ed altri microorganismi presenti nell'intestino.

Le allergie alimentari legate alla carenza di enzimi della digestione sono, generalmente, le responsabili dei vostri problemi digestivi, inclusi indigestione, gonfiori al ventre, flatulenze, dolori digestivi, coliti, sindrome del colon irritabile, morbo di Crohn e Candida albicans.

Le principali categorie di enzimi della digestione sono:

a) l'amylase, che digerisce i carboidrati;
b) la protease, che digerisce le proteine; e
c) la lipasi, che digerisce il grasso.

Per ottenere i migliori enzimi in Natura, l'ideale sarebbe mangiarne i suoi prodotti, prevalentemente frutta e verdura, non appena sono raccolti o quanto prima possibile dopo che lo sono stati. Il motivo per cui sarebbe opportuno seguire questa procedura è legato al fatto che dal momento in cui rimuoviamo tali prodotti dalla fonte che li tiene in vita – che sia un albero o una pianta – essi iniziano a perdere le loro proprietà nutritive. Se, al contrario, li mangiamo immediatamente senza aspettare ore, giorni, settimane, o persino mesi, otteniamo il meglio in quanto a (qualità e quantità di) sostanze nutritive e di enzimi. Questo faciliterà ed ottimizzerà sia la nostra digestione sia il processo di assorbimento di tali sostanze. Mangiare cibi crudi, quindi, (frutta ed ortaggi) è il modo migliore per incrementare al massimo il nostro consumo di enzimi poiché la cottura li distrugge.

Cibi come mele, uva e mango contengono gli enzimi antiossidanti peroxidase e catalase i quali aiutano nella lotta contro i radicali liberi. I legumi, al contrario, devono essere cotti o fatti germogliare affinché possano essere digeriti ed assorbiti. Solamente se cotti o fatti germogliare, infatti, il loro fattore antienzimatico può essere eliminato. Inutile dire che i legumi sono molto benefici ed estrememente salutari e dovrebbero essere usati regolarmente a tavola essendo ricchi di fibre, per cui favoriscono la digestione e mantengono il colon pulito, ma anche perché costituiscono un'eccellente alternativa alla carne essendo una preziosa fonte di proteine (vegetali).

Per concludere, la maggior parte delle malattie a noi conosciute sono la conseguenza di malnutrizione/denutrizione e/o di carenza di enzimi: tra queste vi sono alcune tipologie di cancro e di altre malattie debilitanti. Per restare sani abbiamo, quindi, realmente bisogno di capire il ruolo fondamentale che gli enzimi hanno nella nostra salute ed assicurarci, attraverso un'alimentazione corretta ed equilibrata, che il nostro corpo ne riceva la giusta quantità e qualità di cui ha bisogno affinché possiamo godere di una salute ottimale il più a lungo possibile.


Note:

Holford P. (2004). The New Optimum Nutrition Bible. Enzymes – The keys to life (pp. 154, 155). New York, NY: Random House/Crossing Press

Bohager T. (2006). Enzymes: What The Experts Know. Chapter One: What are Enzymes? (pp. 7-14)
Prescott, AZ: One World Press



Per saperne di più sulla mia attività di Consulente Olistico della Salute e Coach, sui miei servizi e prodotti potete visitare i seguenti siti: