Tuesday, April 14, 2015

Superalimento #2: Il fungo

Dott.ssa Maria Teresa De Donato 

Naturopata Tradizionale, Consulente Olistica Nutrizione ed Erbalismo, Omeopata





Nel nostro articolo di Febbraio 2015 (http://holistic-coaching-dedonato.blogspot.com/2015/02/super-alimento-1-laglio.html and http://www.environmentalhealthanddesign-dedoholistic.com/super-food-1-garlic/ ) abbiamo iniziato ad esaminare i cosiddetti “superalimenti” dando uno sguardo all'Allium sativum, comunemente conosciuto come 'aglio' e alla sua abilità di rafforzare il sistema immunitario e combattere molti problemi di salute, incluso il cancro. In questo articolo prenderemo in considerazione le proprietà nutrizionali e medicinali dei funghi.

I funghi non sono ortaggi, ma piuttosto piante che non hanno né radici né foglie, né fiori e né semi. L'ambiente ideale in cui crescono è al buio, mentre la loro riproduzione avviene tramite spore disperse dal vento. Altra caratteristica dei funghi è la totale assenza di clorofilla che è necessaria per trasformare la luce solare in energia.

Da un punto di vista nutrizionale, i funghi sono cibi molto ricchi. Il Dr. Joel Fuhrman, un famoso medico americano che incoraggia l'uso di quella che chiama “una dieta ricca di micro-nutrienti”, ed autore di Superalimenti per la Salute ed il Piacere, ha definito i funghi come i più potenti anticancerogeni e cibi che favoriscono perdita di peso. Ha anche sostenuto che le donne che consumano regolarmente funghi riducono del 65% il rischio di contrarre il cancro al seno. Questo superalimento, infatti, può essere classificato come tale grazie al fatto che contiene ogni tipo di sostanza nutritiva: dalle proteine agli aminoacidi, dalla vitamina B e C al rame, folato, selenio, ferro, e il minerale-traccia germanio, che sembra sia in grado di utilizzare l'ossigeno del corpo e proteggere quest'ultimo dai radicali liberi. Alcuni funghi contengono anche beta-carotene che, come il selenio, è anch'esso un potente antiossidante.

Nonostante la loro ricchezza a livello nutrizionale, i funghi hanno pochissime calorie e le loro proprietà curative sono straordinarie. Malgrado la loro grande varietà, le loro differenti caratteristiche e diverse abilità nutrizionali e medicinali, in linea generale i funghi possono essere considerati degli stimolanti del nostro corpo: sono, infatti, in grado di aumentare il potenziale del sistema immunitario e, di conseguenza, proteggere il corpo dai radicali liberi e da certe tipologie di cancro, (agenti mutageni e tossine così come da malattie cardiovascolari. Tra i funghi con il maggior potenziale in quanto a proprietà medicinali troviamo il reishi, lo shiitake e il maitake.

Tramite studi clinici, il reshi ha dimostrato di poter combattere gli effetti collaterali causati da radio e chemioterapia, di rafforzare le condizioni generali di salute, promuovere longevità, migliorare circolazione sanguigna e resistenza fisica, incrementare il flusso sanguigno, limitare l'aggregazione di piastrine, rafforzare il sistema immunitario, ridurre l'infiammazione alle articolazioni e curare, o quantomeno migliorare, una lunga lista di problemi di salute che va dai reumatismi alle ulcere e dall'eccesso di colesterolo all'Alzheimer's. I reshi possono essere inclusi tra gli stimolanti naturali e le erbe adattogene grazie alla loro abilità di ripristinare equilibrio e di mantenere l'ormone cortisolo entro livelli normali. (p. 261)

I funghi shiitake, Lentinus edodes, sono anch'essi altamente nutritivi e contengono proteine, amino acidi liberi, lipidi, enzimi, polisaccaridi, carboidrati, fibra, vitamina B-12 e vitamina B-2 (riboflavina) e vitamina C, ergosterolo – una pro-vitamina che trasforma la luce del sole in vitamina D. Nei funghi coltivati in serra sono anche presenti calcio, manganese, magnesio, potassio, ferro, fosforo e zinco.

I funghi shiitake contengono anche l'estratto di Lentinus edodes micelio e lentinan che è un polisaccaride, entrambi i quali hanno dimostrato di essere inibitori di tumori e virus. Essi regolano il sistema immunitario, elimanano infezioni causate da batteri e parassiti, migliorano la circolazione del sangue, aumentano la resistenza fisica, proteggono il fegato, promuovono la produzione di anticorpi del virus dell'epatite B, riducono gli effetti nocivi di radio e chemioterapia nonché i livelli di colesterolo e di grasso nel sangue. Lo shiitake è stato anche usato per curare cancro, HIV/AIDS, herpes simplex, il virus Epstein Barr, allergie dovute all'ambiente, Candida albicans, ipertensione e casi cronici di colesterolo elevato.

Un altro estratto di shiitake, chiamato KS-2 promuove l'azione dei macrofagi e spinge il corpo a produrre interferone, una sostanza dalle potenti capacità antitumorali ed anticancerogene. L'eritadenina, un aminoacido dello shiitake, sembra essere in grado di prevenire attacchi cardiaci e diabete riducendo il colesterolo, impedendo la formazione di coaguli di sangue, e regolando i livelli di zucchero nel sangue. Il Lentinan è un potente agente anticancerogeno contenuto sia nello shiitake che nel reishi che ha dimostrato le sue proprietà antitumorali ed è usato negli ospedali giapponesi per curare il cancro. Altre ricerche sembrano indicare che il Lentinan sia anche potenzialmente in grado di ostacolare l'attività dell'HIV e, in uno studio condotto negli USA, il 30% dei pazienti sieropositivi cui è stato somministrato ha mostrato un aumento del numero di cellule T dopo sole dodici settimane (p. 151).

Il fungo maitake, o Grifola frondosa, chiamato anche “il re dei funghi” in virtù delle sue proprietà curative, contiene molte sostanze nutritive, incluse “proteine, fibra, aminoacidi, vitamina C, vitamina B-12, vitamina B-2 (riboflavina), magnesio, potassio, e fosforo”. Per mezzo del suo uso l'abilità del sistema immunitario viene stimolata e rafforzata grazie ai beta-gluconi che contiene e che negli anni hanno dismostrato di essere in grado di evitare che le cellule T vengano distrutte dal virus HIV. I funghi maitake hanno anche dimostrato di ridurre gli effetti dannosi della chemioterapia, quali vomito e perdita di appetito e di capelli, così come la capacità di combattere “ipertensione, colesterolo elevato, malattie cardiovascolari e del fegato..., candida, costipazione ed obesità” oltre a “regolare le funzioni endocrine” e “Alzheimer's, osteoporosi, sindrome da fatica cronica, e perdita di capelli.” (p. 168)

Shiitake, maitake, reishi, ganoderma e altri funghi, secondo la tradizione taoista cinese, venivano considerati in grado di conferire l'immortalità. (p. 295)

Per maggiori informazioni sulle proprietà dei funghi reishi, shiitake e maitake potete visitare il seguente sito:


Importante: Le informazioni di cui sopra hanno solo scopo educativo e non devono intendersi come parere medico. Qualunque sia la vostra condizione di salute, consultate prima il vostro medico. Per saperne di più sulla mia attività e su come io possa assistervi potete contattarmi scrivendo a info@dedoholistic.com


Fonti:

Balch, P. A. (2003). Prescription for Dietary Wellness. Second Edition. Part Five: Immortal Mushrooms. (pp. 167-169). New York, NY: Penguin Group

Holford, P. (2004). The New Optimum Nutrition Bible. Revised and Updated. Part 2: Defining the Perfect Diet. Living Food. The Phytochemical Revolution. Lentinan. (p. 151). Part 4: The benefits of Optimum Nutrition. Fighting Infections Naturally. Mushrooms. (p. 295). Increasing Your Energy and Resistance to Stress. Stimulants and tehir alternatives. Natural stimulants. (p. 261) New York, NY: The Crossing Press

Text is available under the Creative Commons Attribution-ShareAlike License:

Fungo Reishi (foto): Eric Steinert - photo taken by Eric Steinert at Paussac, France
Fungo Shiitake (foto): frankenstoen from Portland, Oregon - Shiitake Mushrooms
Fungo Maitake (foto): Grifola frondosa Eikhaas by Pethan 10-2004 Amelisweerd, Netherlands