Thursday, January 15, 2015

Life Coaching Lesson #4: Just One Step At A Time

Maria Teresa De Donato, PhD, Life Strategist


A journey of a thousand miles begins with a single step” stated Lao-Tzu sometime between the 5th and the 4th century B.C. Though one might think at first that's like stating the obvious, the reality of the matter is that for so many among us sometimes it appears that moving just one step forward in one direction or the other is hard when not even impossible to accomplish. How so?

I am not a sportive person. I have been, however, always quite agile and active one way or the other all my life. Though I am not particularly interested in gym – I like fresh air and enjoying a beautiful landscape much more than exercising indoor – I always preferred to walk, hike and swim whenever possible. Every time I happen to be around mountains, for instance, I take the opportunity, either on my own or with friends, to go up to the top. This happened to me many times on the Alps.

One day I was with a friend. I knew she was not accustomed to the mountains nor very inclined to do any form of exercise either. However, since she was really appreciating the breathtaking alpine landscape, I suggested we take a walk and see how far up we might go. We didn't walk but a mile or so including no more than 500 meters (0.31 miles) of an uphill road in the woods for as soon as she saw the upward slope of the lane she came up with all sorts of justifications - “rational and logical explanations” in her view – in order not to proceed any further.

Although since start I had been aware that we would have not, in fact, reached the top of the mountain that day, but most likely stopped much sooner, it was quite evident to me that it was my friend's mental blockage which was preventing her to move ahead and make any progress. My attitude was a positive one: I suggested to just forget all about reaching the top and not focus on the evident upward slope which appeared to our very eyes, but rather to concentrate on the fact that all that was required of us was to move one step forward at a time and that when she would feel tired we would stop for a few minutes and see whether to continue or to turn around and start descending.

In my view, however, my friend, to the contrary, gave up before starting: she convinced herself, by keeping repeating it, that it was too much for her – and we weren't but only ten minutes into the woods compared to the two hours and forty minutes normally expected to reach the top – that the upward slope was excessive, that she would have probably fallen down or gotten sick and whatever still left in between.

In our everyday life the attitude my friend proved to have in that circumstance is more frequent than one might imagine though. How many among us are stuck in a situation, in a depressing and, maybe, underpaid job, or in a frustrating, unloving, mentally, emotionally and, maybe, even physically abusive relationship where we feel trapped, do not know what to do next and how, and what direction eventually we should take? Sometimes it is not a matter of lack of possibilities but rather of lack of positive, constructive thinking and consequent audacity, of fear of the unknown, of what might happen if we try, of fear of possible failure.

Possibilities are all around us and all that is required from us is to start moving, one step at a time, doing something new, something different we have never tried before. Failures and obstacles we may encounter on our path are there for a reason: to make us grow, to refine and strengthen ourselves, our beliefs, our ability and determination to get closer to our final goal or to point at a new direction we should take in our life.

Too many times we might be presented with two or more opportunities at once. We get confused, feel not at ease and wonder which way we should go. We feel insecure about what choice to make. The reality is, though, that one direction might be as valid as the other one and that the Universe, Life, God or however we want to call It/Her/Him is just offering us more than one possibility to choose from. It is really up to us which way to go. We just need to get started.

Fear is, unfortunately, the most common element in people's life. Fear keeps us prisoners of ourselves. Fear of failure is what prevents most of us from reaching our full potential. However, once we accept the possibility that we can fail, that a failure does not determine who we really are, and we do not allow it to interfere or even compromise our self-esteem, we will start taking control over our lives.

Write it down where you are and where you want to be in the future, in the next three or six months, in a year, ten years and make a list of things you can do to reach that goal. Move one step forward at a time but be consistent. And should life at a certain point indicate you that you need to change direction do not get frustrated or discouraged. You won't have “lost” anything. The time, money and energy you will have invested so far will have made you who you are and all that you will have learned will serve you – one way or the other – to accomplish whatever you have in mind.

Things happen for a reason and all the knowledge and experience you will have acquired will serve their purpose and remain with you all your life. Even if you in the meanwhile have changed direction and started walking a different path everything you will have treasured so far will prove to be useful at a certain point in time and maybe even when less expected.

Let's get started then and remember: Move just one step at a time. Ignore the “upward slope” and focus on your very next step. Nothing else is required of you.

Please feel free to read also my previous Coaching articles at






Maria Teresa De Donato©2015. All Rights Reserved


Life Coaching Lezione #4: Un passo alla volta soltanto

Dott.ssa Maria Teresa De Donato, Life Strategist



Un viaggio di mille miglia inizia con un singolo passo” affermò Lao-Tzu tra il 5º ed il 4º secolo a.C. Sebbene in un primo momento qualcuno potrebbe pensare che ciò equivalga ad affermare l'ovvio, la verità è che per molti fra noi fare un semplice passo in avanti nella vita, in una direzione o nell'altra, è difficile. Perché?

Io non sono affatto una persona sportiva. Sono stata, però, sempre piuttosto agile ed attiva. Benché non sia particolamente interessata ad andare in palestra – l'aria fresca e godermi un bel panorama mi piacciono molto di più che non fare ginnastica in un ambiente chiuso – ho sempre preferito camminare, andare in montagna e, ogni volta che ne ho avuto l'opportunità, nuotare. Ogni qualvolta mi trovo in una zona montuosa, ad esempio, colgo l'occasione per raggiungere la cima da sola o in compagnia di amici. Ciò mi e accadute molte volte sulle Alpi.

Un giorno ero con un'amica. Ero a conoscenza del fatto che lei non fosse abituata alla montagna né particolarmente incline a fare dell'esercizio fisico. Tuttavia, dal momento che stava apprezzando il panorama mozzafiato alpino, suggerii di andarci a fare una passeggiata e vedere quale “altezza” saremmo riuscite a raggiungere. Camminammo solo per circa un miglio, inclusi circa 500 metri (0.31 miglia) di percorso boscoso in salita perché non appena lei vide il sentiero di montagna iniziare a salire tirò fuori scuse di ogni tipo – dal suo punto di vista tutte “spiegazioni razionali e logiche” - per interrompere la nostra avanzata.

Benché sin dall'inizio fossi consapevole che quel giorno non avremmo raggiunto assolutamente la cima della montagna, ma che, al contrario, ci saremmo fermate molto prima, fu piuttosto evidente, a mio avviso, ad essere il blocco mentale della mia amica ad impedirle di andare avanti e fare progresso. La mia attitudine fu positiva: suggerii di dimenticarci completamente di raggiungere la vetta e di non focalizzarci sull'evidente pendenza del percorso così come appariva ai nostri occhi, ma piuttosto di concentrarci sul fatto che tutto ciò che dovevamo fare era avanzare di un semplice passo alla volta e che nel caso lei si fosse stancata, ci saremmo fermate alcuni minuti per verificare se fosse il opportuno continuare o piuttosto tornare indietro ripercorrendo il sentiero in discesa.

Ai miei occhi, la mia amica, al contrario, si arrese ancor prima di iniziare: si convinse, ripentendolo a se stessa, che quello era troppo per lei – il sentiero, secondo le indicazioni, avrebbe richiesto circa 2 ore e 40 minuti partendo dalla base e raggiungendo la vetta – e noi eravamo entrati nel bosco da appena 10 minuti, – che l'inclinazione del sentiero era eccessiva, che avrebbe potuto cadere o sentrisi male e quant'altro.

Nel nostro vivere quotidiano, tuttavia, l'attitudine che manifestò in quell'occasione la mia amica è molto più frequente di quanto non lo si immagini. Quanti tra noi sono impantanati in una situazione, in un lavoro deprimente e, forse, sottopagato, o in una relazione frustrante, non amorevole e dove sono soggetti ad abuso mentale, emotivo e persino fisico ed in cui si sentono intrappolati e non sanno cosa fare e come né quale direzione prendere? A volte non è un problema di mancanza di possibilità di scelta, ma piuttosto di assenza di pensiero positivo e costruttivo e conseguente mancanza di coraggio, di aver paura di ciò che non si conosce, di quello che potrebbe accaderci se provassimo, di timore di un possibile fallimento.

Intorno a noi c'è tutto un mondo di possibilità e tutto ciò che ci è richiesto è iniziare a muoverci, un passo alla volta, a fare cose nuove, cose diverse e che non abbiamo mai provato prima. I fallimenti e gli ostacoli che incontriamo sul nostro percorso hanno un loro scopo: ci fanno crescere, ci raffinano e rafforzano noi stessi, le nostre convinzioni, la nostra abilità e determinazione nell'avvicinarci sempre più alla nostra mèta finale o ci indicano una nuova direzione da prendere nella nostra vita.

Troppe volte quando ci si presentano due o più opportunità insieme restiamo confusi, non ci sentiamo a nostro agio e ci chiediamo quale strada dovremmo prendere. Siamo insicuri sulla scelta da fare. La verità è, però, che qualunque direzione prendiamo potrebbe essere valida tanto quanto l'altra e che l'Universo, la Vita, Dio o come lo/la vogliamo definire, ci sta offrendo varie opportunità tra cui scegliere. La scelta dipende solo da noi. La sola cosa da fare è attivarsi.

La paura è, sfortunatamente, l'elemento più comune nella vita delle persone. La paura ci rende prigionieri di noi stessi. La paura di fallire è cò che preclude alla maggioranza di noi di raggiungere il proprio potenziale. Una volta, però, che accettiamo la possibilità che possiamo fallire, che tale fallimento non determina chi siamo realmente e non permettiamo al fallimento di interferire o persino compromettere la nostra autostima inizieremo ad avere il controllo sulla nostra esistenza.

Scrivete a che punto siete nella vostra vita e dove volete essere in futuro, tra tre o sei mesi, un anno, dieci anni e preparate una lista di cose che potete fare per raggiungere quella mèta. Fate un passo alla volta, ma siate costanti. E nel caso ad un certo punto la Vita vi indicasse che dovete cambiare direzione non ne siate frustrati né scoraggiati. Non avrete “perso” nulla. Il tempo, i soldi, e le energie che avrete investito sino a quel momento avranno fatto di voi ciò che siete e tutto ciò che avrete imparato vi sarà utile – in un modo o nell'altro – per raggiungere il traguardo che vi siete preposti.

Le cose accadano per un motivo specifico e tutta la conoscenza e l'esperienza che avrete acquisito serviranno ad uno scopo e rimarranno per sempre con voi. Persino nel caso aveste nel frattempo cambiato direzione ed iniziato a percorrere una nuova strada, ogni cosa di cui avrete fatto tesoro fino a quel momento si dimostrerà utile ad un certo punto e persino quando meno ve lo aspetterete.

Iniziamo, quindi, ad avanzare e ricordate: fate un passo alla volta. Ignorate “il percorso in salita” e concentratevi sul prossimo passo da fare. Non vi è richiesto null'altro.

Per ulteriori informazioni sulla mia attività di Coaching potete leggere anche i seguenti articoli:

http://holistic-coaching-dedonato.blogspot.com/2013/10/life-coaching-lezione-1-confrontarsi.html



http://holistic-coaching-dedonato.blogspot.com/2013/12/life-coaching-lesson-3-be-co-creator.html

Tuesday, January 13, 2015

Feng Shui and the three phases of Chi: Sheng, Si, Sha

by


Maria Teresa De Donato, PhD, RND, CNC, CMH, CHom



In my previous articles The Art of Feng Shui (http://www.environmentalhealthanddesign-dedoholistic.com/services/feng-shui/) and Clutter and the Power of Chi (http://www.environmentalhealthanddesign-dedoholistic.com/health-and-environment-clutter-and-the-power-of-chi/) we have already discussed what Feng Shui and Chi are and how the latter works. In this article we will be examining the three phases that may characterize Chi, that is Sheng, Si, and Sha.

Feng Shui Shen Chi is a good, beneficial energy which revives, brightens, refreshes, uplifts, reinvigorates everything and everybody. Shen Chi brings, therefore, health, well-being, prosperity, harmony, peace, joy, happiness for it relates to the positive and vital energy we can experience and which can be generated by pure, fresh, and clean air and an amazing harmonious environment around us, be it indoor and/or outdoor.

In those circumstances where Shen Chi is present places, people, animals and landscapes are healthy, prosperous and communicate a sense of positivity, harmony and balance. Examples of Sheng Chi are those characterized, for instance, by the full moon approaching and by buildings – be it homes, offices or any other kind for that matter – facing beautiful, peaceful, harmonious, breathtaking landscapes such as mountains, parks, gardens, woods, sea, ocean, rivers, or lakes. In fact, all those views encourage and facilitate relaxation and a complete sense of wellness accompanied by positive thinking and positive emotions, feelings and aspirations.

Si Chi, to the contrary, is a negative form of Chi: it characterizes places where there is neither balance nor harmony, where environment, people and animals do not look healthy but rather depleted, not nourished, not being taken care of, weak, as they do not have what they need to live a good and prosperous existence. Si Chi is, therefore, associated with a reduced, weakened, and dying Chi.

Sha Chi is the worst phase of Chi and much more negative than Si Chi. Sha Chi is identified with environments where the energy is disrupted and feelings such as anger, sense of danger and negativity can easily be perceived. The negativity is present to such an extent that Sha is reflected both above (= secret arrows) and below ground (= noxious rays). Below ground noxious rays deplete Chi and promote illness. This is evident in circumstances and environments where people – apparently for no reason – look very tired, lack energy, and get easily nervous. The reason might be that the building people are living or working in stands on a low stagnant ground or on a underground cave and the air around does not flow freely as it should. In those cases, Chi is impaired and restrained.

Hence, Sha Chi secret arrows are conditions that start above ground though in many cases they are generated by situations existing below ground and they interfere with the the harmonious flow of energy. They create obstacles to the passage of Chi and provoke irritation, nervousness and, consequently, have the ability to disrupt a person's life at all levels, be it in the form of breaking relationships, of financial instability, job or money loss, and so forth.

A house having a road or water running directly toward or away from its main door or windows or facing a building that is falling apart or a dead or dying tree or a pole or lamppost or hanging electrical wires or any other element – be it visual or acoustic – which interferes with the view of a beautiful, harmonious landscape is dominated by Sha Chi. The latter is, therefore, a kind of bad Feng Shui energy and can be identified with a severely disrupting, aggressive and even deadly energy.

Sharpness of a structure pointing at a front door or any other windows creates Sha Chi energy, along with any T-junction house which will also generate the accumulation of Sha Chi. This can also occur indoor through sharp wall angles pointing at the bed, and, consequently, at one's own body.  


To know more about my holistic health practice and my coaching activity, please feel free to visit also the following sites:








Feng Shui e le tre fasi dell'Energia Cosmica: Sheng, Si, Sha

Dott.ssa Maria Teresa De Donato 

Naturopata Tradizionale, Consulente Olistica Nutrizione ed Erbalismo, Omeopata



Nei precedenti articoli L'Arte del Feng Shui (http://www.environmentalhealthanddesign-dedoholistic.com/services/feng-shui/) e Il Disordine/Accumulo e la Potenza dell'Energia Cosmica (http://www.environmentalhealthanddesign-dedoholistic.com/ambiente-e-salute-il-disordineaccumulo-e-la-potenza-dellenergia-cosmica/) abbiamo già considerato cosa siano il Feng Shui ed il Chi e come quest'ultimo agisca. In questo articolo esamineremo le tre fasi che caratterizzano l'Energia Cosmica (Chi), ossia Sheng, Si e Sha.

L'Energia Cosmica Sheng secondo il Feng Shui è un'energia buona, positiva, che ravviva, illumina, rinfresca, solleva, rinvigorisce ogni cosa ed ogni persona. L'Energia Shen porta con sé, quindi, salute, benessere, prosperità, armonia, pace, gioia, felicità in quanto è collegata ad un'energia creatrice e positiva che possiamo provare e che è generata da aria pura, fresca e pulita e da uno straordinario ed armonioso ambiente circostante, sia interno che esterno.

In situazioni in cui l'Energia Shen è presente luoghi, persone, animali ed ambienti sono sani, prosperano e comunicano un senso di positività, armonia ed equilibrio. Casi di Energia Shen sono quelli caratterizzati, ad esempio, dalla luna piena imminente e da edifici – siano essi case, uffici o qualsiasi altra tipologia di costruzione – che si affacciano su panorami belli, silenziosi, armoniosi, mozzafiato, quali ad esempio montagne, parchi, giardini, boschi, mare, oceano, fiumi o laghi. Tutte queste vedute panoramiche, infatti, incoraggiano e facilitano il rilassamento ed un senso di benessere completo accompagnato da un modo di pensare positivo e da emozioni, sentimenti ed aspirazioni positivi.

L'Energia Si, al contrario, è una forma di Energia Cosmica negativa: caratterizza luoghi in cui non c'è né equilibrio né armonia, dove ambiente, persone ed animali non appaiono sani, ma piuttosto impoveriti, non nutriti, non curati, deboli, come se non avessero ciò di cui hanno bisogno per vivere un'esistenza buona e prospera. L'Energia Cosmica Si è, perciò, associata ad un'energia limitata, indebolita e morente.

L'Energia Cosmica Sha è la peggiore in senso assoluto ed è molto più negativa di quella Si. Sha si identifica con ambienti in cui l'energia è perturbata e sentimenti quali rabbia, sensazione di essere in pericolo e negatività sono facilmente percepiti. La negatività è presente a tal punto che Sha si riflette sia al di sopra (frecce segrete) che al di sotto (raggi nocivi) del suolo. I raggi nocivi al di sotto del suolo impoveriscono l'Energia Cosmica favorendo l'insorgere di malattie. Ciò è evidente in circostanze ed ambienti in cui la gente – senza alcun motivo apparente – sembra essere sempre stanca, non ha energie e si innervosisce facilmente. La ragione di tutto ciò può essere collegata al fatto che l'edificio in cui le persone vivono o lavorano è situato su una superficie stagnante o su una grotta e l'aria circostante non fluisce liberamente come dovrebbe. In questi casi l'Energia Cosmica è ostacolata ed oppressa.

Ne consegue che le frecce segrete dell'Energia Sha sono condizioni che si manfestano inizialmente in superficie, ma che in molti casi sono causate da situazioni esistenti sottoterra e che interferiscono con l'armonioso fluire dell'Energia stessa. Esse creano ostacoli al passaggio dell'Energia Cosmica e provocano irritazione, nervosismo e, di conseguenza, sono in grado di portare grande caos nella vita di una persona a tutti i livelli: sotto forma di rottura di relazioni, di instabilità finanziaria, perdita di lavoro o soldi, etc.

Una casa che ha una strada o un percorso d'acqua orientato direttamente verso la sua porta o le sue finestre o che si affaccia su un edificio in decadimento o un albero morto o morente o su un palo (di qualsiasi tipo) o sui fili della corrente pendenti o qualsiasi altro elemento – visivo o acustico – che disturba la veduta di un panorama bello e armonioso è dominata dall'Energia Sha. Quest'ultima, perciò, è un'energia cattiva e può essere identificata con un'energia gravemente perturbatrice, aggressiva e persino mortale.

Strutture affilate e orientate verso la porta principale (di una casa o altro edificio) o verso le finestre creano un'Energia Sha, così come qualsiasi casa (o altro edificio) collocata al di sopra di una zona a forma di T e che genera, quindi, anch'essa accumulo di energia Sha. Questa situazione può verificarsi anche in ambienti interni laddove esistano pareti con angoli ben pronunciati e che puntino direttamente verso il letto e, quindi, in direzione del corpo umano.



Per saperne di più sulla mia attività di Consulente Olistico della Salute e Coach, sui miei servizi e prodotti potete visitare i seguenti siti:









Sunday, January 4, 2015

Alternative Health Care Systems: Homeopathy


by


Maria Teresa De Donato, PhD, RND, CNC, CMH, CHom


About Homeopathy

Homeopathy is a philosophical and an alternative health care system based on non-aggressive, non-invasive therapies whose remedies are characterized by highly diluted substances aiming at soliciting one's own natural self healing ability. Depending on the specific symptomatology described by the client, the homeopath identifies the most appropriate remedy to recommend. The closer the remedy, also called “simillimum”, to the totality of the individual's symptoms and personality characteristics the more effective it is, and, consequently, the higher the possibility for the client to heal. Homeopathy, as a holistic methodology, has a mind-body-spirit approach to health, and sees symptoms as part of the body's alarm and self-defense mechanism and the disease as being not the cause of any substance or diseased-matter, but rather as the result of a blockage or derangement of the life force, the vital principle animating the body. Hence, according to homeopathy, healing is only possible depending on the ability and strength of the vital force to counteract the effect of the chosen remedy at any given time. 

Christian Friedrich Samuel Hahnemann


Although Hippocrates had already developed the Law of Similia, Galeno included the Aristotelian theory of the Four Humors in his practice, according to which blood, choler (yellow bile), melancholy (black bile), and phlegm must be kept in balance to maintain a state of vitality and health, and Paracelsus already argued that disease was not caused by external factors but rather by energy imbalance within the body which prevented healing from occurring, opposed amputation and introduced substances such as opium, sulphur, and arsenic in his practice, it is the German physican Samuel Hahnemann (1755-1843) who is considered the Father and Founder of modern Homeopathy.
Hahnemann was dissatisfied with what he considered as the failure of conventional medicine and contrary to some common practices such as bloodletting. After years of observation and proving remedies on himself and other healthy individuals in order to build up a homeopathic Materia Medica, he created a complete new, revolutionary health care system: Homeopathy.
The term homeopathy derives from the Greek words hómoios meaning 'similar or like, and páthos, meaning suffering and which is in contrast with conventional medicine, referred by homeopaths as 'allopathic', which originates from the Greek words állos, that is "other" or "different", and páthos with the latter being based on the use of pharmaceutical drugs to suppress symptoms and diseases. As previously stated, homeopathy does not fight symptoms for it sees them as a way for the body to communicate with us but rather tries to identify the leading cause of a certain health issue or disease in order to remove it while taking in account not only the physical condition but also, and above all, the mental, psychological and spiritual state of the individual.

Laws of Homeopathy


Homeopathy is characterized by the following major Laws:

  • The Law of Similia, also known as similia similibus curantur, that is “likes are cured by likes” and which is based on the assumption that substances that have the ability to provoke certain symptoms and diseases in a healthy individual are also able to treat them in a sick person;
  • The Law of Simplex, applied by those practicing Classical Homeopathy, which recommends one only remedy to be administered at a time. According to this law, in fact, once the correct remedy has been identified it should be effective and sufficient for healing to take place. In some particular and more complex cases, however, more than one remedy may be recommended also by classical homeopaths.
  • The Law of Minimum, according to which, though lower potencies may require longer time to be effective, their use will, nonetheless, avoid stressing the individual during the healing phase. Homeopathic remedies present a variety of doses, ranging from those resembling, as for concentration, some pharmaceutical drugs to those which are characterized by very high dilutions containing no material trace of the original substance used for their production. Though the Law of Minimum is valid and a fundamental one, also higher potencies can be as effective and in some cases even required.
  • Law of Vital Force, which in harmony with esoteric anatomy and physiology, is the invisible, subtle, dynamic energy animating the human body. Depending on its balance or imbalance it determines a state of physical and mental health or, to the contrary, one of disease.
  • Law of Chronic Diseases (Miasmas). Hahnemann defined a miasmas as “energy block(s) from healing” (aphorism # 78), that is a predisposition to chronic disease that is transmitted down from one generation to the other and which – he believed – are responsible for hindering treatment and preventing people from healing. To counteract them, he created remedies called Nosodes and identified three specific miasmas:
    a) Psora, which relates to scabies
    b) Sycosis, which is linked to gonorrhea,
    c) Syphilis, which is based on syphilis.
    In more recent times, Cancer and Tuberculosis have also been considered by some homeopaths as potential miasmas and added to the above list.
    Identifying the root cause of a health condition, especially chronic disease, with a specific miasma does not mean that the individual is affected or has been affected by psora, sycosis or syphilis but only that the specific miasma, or predisposition, was passed on from one generation to the other strengthening itself while weakening, at each generational passage, the vital force of the individuals and their ability to heal.
  • Law of Drug-proving, which is needed to create and elaborate the Materia Medica and consists in utilizing a healthy person to test remedies in order to identify symptoms produced by a specific remedy.
  • Law of Dynamization, which along with the process of dilution is the hallmark of homeopathic remedy production. Generally speaking, the high dilution and the process of dynamization (also called  potentization or succussion), that is the vigorous shaking of a diluted homeopathic preparation in order to activate the medicinal substance during its manufacturing phase, are common denominators of all homeopathic remedies.
  • The Law of Cure. According to Homeopathy the healing process takes place in the following order:
    a) Symptoms and disease heal from the deepest level, which includes vital organs, to the most superficial one;
    b) Symptoms and disease heal in the reverse order that they manifest, starting with the most recent and going backwards;
    c) Symptoms and disease improve or even heal from the top of the body going downwards;
    d) Symptoms and disease heal from the most important, vital organs to the least important, superficial organs; and
    e) Symptoms and disease heal from the center of the body to the periphery. 

Homeopathic Remedies

Homeopathic remedies are made of natural ingredients from infinitesimal amounts of substances originating from plants, animals, minerals and other biological sources.  They are effective and thanks to the high dilution process they undergo are safe, non-addictive, have no side-effects and can be used either as alternative or as integrative-complementary therapy in conjunction to pharmaceutical drugs or other conventional treatments.

Homeopathy can help many health conditions including acute and chronic ones.

Acute are problems you have that may start all of a sudden and usually last one day to a month (like flu, cold, cramps, cough, etc.).  Some of them may be caused by viruses, disappear by themselves, or taken care of either with antibiotics (conventional/allopathic medicine) or with more natural and less aggressive remedies (homeopathic remedies, herbalism and other holistic health therapies).

Chronic are problems that last two months or more (like arthritis, diabetes, migraines, depression, eczema, etc.) and may be caused by several factors including family history and environment. Though there is no guarantee that these sorts of health issues will disappear completely, most of them, if well managed, may lead to a normal life almost symptoms free through a change in eating and lifestyle habits.

For a complete list of homeopathic remedies you can click on

Dr. De Donato's Philosophy

As a Classical Homeopath Dr. De Donato follows the rules and principles of homeopathy established by Dr. Hanehmann more than 200 years ago.  She takes in great account the mind-body-spirit components, identifies the Constitutional type of each individual and matches it with the proper remedy. Her practice takes place via online conferences after the client has contacted her first via email to schedule a 15 minute FREE Skype consultation (dedoholistic), made the payment via PayPal, received and filled in a detailed questionnaire and sent it back to her. For more information, you can contact her at info@dedoholistic.com


To know more about my holistic health practice and my coaching activity, please feel free to visit also the following sites:





Metodologie Alternative: L'Omeopatia

Dott.ssa Maria Teresa De Donato 

Naturopata Tradizionale, Consulente Olistica Nutrizione ed Erbalismo, Omeopata



L'Omeopatia è un sistema filosofico e di cura alternativo basato su terapie non-aggressive, non-invasive ed i cui rimedi sono caratterizzati da sostanze altamente diluite aventi lo scopo di sollecitare l'abilità di autoguarigione, naturale ed intrinseca, di ogni individuo. A seconda della specifica sintomatologia descritta dal cliente, l'omeopata identifica il rimedio più idoneo da prescrivere. Più il rimedio, chiamato simillimum, si avvicina alla totalità dei sintomi e alle caratteristiche della personalità dell'individuo più è efficace e, di conseguenza, più elevata è la possibilità di guarigione. L'Omeopatia, quale metodologia olistica, ha un approccio alla salute che tiene conto delle componenti mente-corpo-spirito e vede i sintomi come parte del sistema d'allarme e del meccanismo di difesa del corpo e la malattia non quale causa di una sostanza o di una materia malata, ma piuttosto come il risultato di un blocco e disturbo della forza vitale, il principio essenziale che anima il nostro corpo. Ne consegue che la guarigione è solo possibile in quanto ad abilità ed energia della forza vitale di contrastare l'effetto del rimedio omeopatico scelto in un dato momento. 


Cristiano Federico Samuele Hahnemann

Benché Ippocrate avesse già sviluppato la Legge dei Simili, Galeno incluso nella sua pratica la teoria aristotelica dei Quattro Umori secondo cui sangue, bile gialla, bile nera, e muco devono essere mantenuti in equilibrio per conservare uno stato di vitalità e salute, e Paracelso già messo in discussione come la malattia non fosse causata da fattori esterni, ma piuttosto da uno squilibrio energetico all'interno del corpo che impediva la guarigione, fosse contrario all'amputazione degli arti ed avessse introdotto nella propria pratica medica sostanze come l'oppio, lo zolfo e l'arsenico, fu il medico tedesco Samuele Hahnemann ad essere considerato il Padre e Fondatore dell'Omeopatia moderna.

Hahnemann era deluso da quello che considerava il fallimento della medicina convenzionale e contrario ad alcune delle pratiche, comunemente utilizzate da questa, tra cui il salasso. Dopo anni di osservazione e sperimentazione su se stesso e su altri individui (sani) al fine di comporre una Materia Medica omeopatica creò un sistema di cure nuovo, completo e rivoluzionario: l'Omeopatia. Il termine omeopatia deriva dalle parole greche hómoios, “simile” e páthos, “sofferenza” e si contrappone alla medicina convenzionale, definita comunemente dagli omeopati “allopatica”, derivante dai termini greci állos, che significa “altro” o “diverso” e páthos, “sofferenza” e che si basa sull'utilizzo di farmaci atti a sopprimere sintomi e malattie. Come già detto, l'omeopata non combatte i sintomi in quanto li concepisce come il modo in cui il corpo comunica con l'individuo, ma piuttosto cerca di indentificare la causa che ha generato un eventuale problema di salute o una malattia al fine di rimuoverla prendendo in considerazione, al tempo stesso, non solo la condizione fisica, ma anche, e soprattutto, lo stato mentale, psicologico e spirituale dell'individuo.


Leggi dell'Omeopatia

L'Omeopatia è caratterizzata dalle seguenti Leggi principali:

  • Legge dei Simili (o di Similitudine), conosciuta anche come similia similibus curantur, ossia “i simili sono curati dai simili”, e che si basa sul presupposto che sostanze che hanno l'abilità di provocare certi sintomi e malattie in un individuo sano sono anche in grado di curare gli stessi sintomi in una persona malata.
  • Legge della Dose Unica, applicata da coloro che praticano Omeopatia Classica, la quale suggerisce l'utilizzo di un unico rimedio omeopatico alla volta. Secondo questa legge, infatti, una volta che è stato identificato il rimedio corretto, questo dovrebbe essere efficace e sufficiente perché la guarigione avvenga. In alcuni casi particolari e più complessi, tuttavia, più di un rimedio può essere raccomandato anche da omeopati classici.
  • Legge di Diluizione (o Potenza Minima), secondo la quale benché potenze minime possano richiedere tempi più lunghi per essere efficaci, il loro uso, tuttavia, evita ulteriore stress all'individuo durante la fase di guarigione. I rimedi omeopatici si distinguono in vari dosaggi che vanno da quelli simili in quanto a concentrazione ad alcuni farmaci a quelli caratterizzati da una diluizione molto elevata che non contengono più alcuna traccia della sostanza originale usata per la loro produzione. Benché la Legge della Potenza Minima sia valida e fondamentale, anche l'uso di potenze elevate può essere efficace ed in alcuni casi persino necessario.
  • Legge della Forza Vitale, ossia dell'energia dinamica, sottile ed invisibile che secondo l'anatomia e la fisiologia esoteriche, anima il corpo umano. A seconda del suo equilibrio o squilibrio essa determina uno stato di salute fisica e mentale o, al contrario, di malattia.
  • Legge delle Malattie Croniche (Miasmi). Hahnemann definì un Miasma “un blocco energetico che impedisce la guarigione” (aforisma #78), cioè una predisposizione alla malattia cronica che è trasmessa da una generazione all'altra e che – riteneva – è responsabile nel compromettere un determinato trattamento e nel prevenire la guarigione nelle persone. Per ostacolare i miasmi, Hahnemann creò dei rimedi chiamati Nosodi ed identificò tre specifici miasmi:

a) Psora, derivante dalla scabbia;

b) Syphilis, collegata alla sifilide;

c) Sycosis, associata alla gonorrea.

In tempi più recenti anche Cancro e Tubercolosi sono stati considerati da alcuni omeopati come potenziali miasmi ed aggiunti alla lista di cui sopra. L'identificare la causa alla radice del problema di salute, specialmente nel caso di malattia cronica, con un determinato miasma non significa, tuttavia, che l'individuo sia stato affetto da psora, gonorrea o sifilide, ma piuttosto che lo specifico miasma, o predisposizione è stato/a trasmesso/a da una generazione all'altra rafforzandosi ed indebolendo, ad ogni passaggio generazionale, la forza vitale degli individui e la loro conseguente capacità di guarire.

  • Legge di Sperimentazione (pura nell'uomo sano), che è necessaria per creare ed elaborare la Materia Medica e consiste nell'utilizzare persone sane per provare rimedi al fine di identificare i sintomi prodotti da ogni rimedio.
  • Legge di Dinamizzazione, che insieme al processo di diluizione è una caratteristica specifica della produzione dei rimedi omeopatici. In linea generale, l'alta diluizione e la dinamizzazione (chiamata anche potentizzazione o succussione), che consiste nel vigoroso scuotimento di una preparazione omeopatica diluita al fine di attivarne la sostanza medicinale durante la fase di produzione, sono denominatori comuni di tutti i rimedi omeopatici.
  • Legge di Guarigione. Secondo Hahnemann il processo di guarigione avviene nel seguente ordine: 

a) Sintomi e malattia guariscono dal livello più profondo, che include organi vitali, a quello più superficiale;
b) Sintomi e malattia guariscono nell'ordine inverso in cui si sono manifestati, iniziando da quello più recente ed andando a ritroso;
c) Sintomi e malattia migliorano, o persino guariscono, iniziando dalla parte superiore del corpo e procedendo verso il basso;
d) Sintomi e malattia guariscono dagli organi vitali, più importanti, a quelli meno importanti e più superficiali; e
e) Sintomi e malattia guariscono ad iniziare dal centro del corpo procedendo verso le zone periferiche.


Rimedi Omeopatici

I rimedi omeopatici sono prodotti con ingredienti naturali provenienti da quantità infinitesimali di sostanze di origine vegetale, animale, minerale, e da altre fonti biologiche. Sono efficaci e grazie all'elevato processo di diluizione cui sono sottoposti sono sicuri, non procurano dipendenza, non hanno controindicazioni e possono essere usati come terapia alternativa o integrativa e complementare insieme a farmaci o altri trattamenti convenzionali. L'Omeopatia può aiutare molte condizioni di salute incluse quelle acute e croniche.

Acuti sono quei problemi che possono iniziare improvvisamente e che, generalmente, durano da un giorno ad un mese (alcuni esempi sono influenza, raffreddore, spasmi, tosse). Alcuni di essi possono essere causati da virus, sparire da soli, o risolti tramite l'utilizzo di antibiotici (medicina convenzionale/allopatica) o con rimedi più naturali e meno aggressivi (come quelli omeopatici o erboristici).

Cronici sono quei problemi che durano da due a più mesi (tra cui artrite, diabete, emicrania, depressione, eczema) e che possono essere causati da vari fattori tra cui quelli ereditari e quelli legati all'ambiente. Benché non ci sia alcuna garanzia che questa tipologia di condizioni di salute scompaia completamente, molte di esse, se gestite correttamente, possono portare la persona a vivere una vita normale, quasi libera da sintomi, grazie ad un cambiamento nelle abitudini alimentari e di stile di vita.

Per una lista completa di rimedi omeopatici potete cliccare sul seguente link http://www.environmentalhealthanddesign-dedoholistic.com/products-2/products-2homeopathic-remedies/

La filosofia della Dott.ssa De Donato

Quale Omeopata Classica, la Dr.ssa De Donato segue le leggi ed i principi dell'omeopatia così come stabiliti dal Dr. Hahnemann più di 200 anni fa.   Dà particolare importanza alle componenti mente-corpo-spirito; identifica il tipo costituzionale di ogni individuo e lo abbina al corrispondente ed appropriato rimedio omeopatico; e nella sua pratica si ispira in modo particolare agli insegnamenti, al lavoro e all'approccio all'Omeopatia dell'illustre medico greco Prof. Dr. George Vithoulkas.


Per saperne di più sulla mia attività di Consulente Olistico della Salute e Coach, sui miei servizi e prodotti potete visitare i seguenti siti: