Friday, June 13, 2014

The Art of Juicing



By

Maria Teresa De Donato, PhD, RND, CNC, CMH, CHom


Although the art of juicing is quite an ancient one, most of us have been more used, since infancy, to fruit juicing rather than to the vegetable kind.  In those last several decades, however, along with the raw food movement, juicing – both the fruit and the vegetable one, or a combination of the two, have become well known and amply spread worldwide.

Why is that?  Because besides being very easy to prepare, raw fruits and vegetables are rich of nutrients which, especially when they are organic, can boost your immune system to an extent no other food can.  Last but not least, juicing allows for a fast and easy digestion and absorption as well.  As a matter of fact the digestive process is fundamental in our health and wellness for several reasons.  First of all, it might be worth to know that our body destines some 80% of the energy at its disposal towards the digestion process while saving the remaining 20% to be divided among all other body functions.  Hence, it goes without saying that when we eat either too much or junk foods or simply wrong combinations of foods which require a greater effort to be digested, the body will take the residual energy it needs to reach its goal from the remaining 20% which it is supposed to be used for other purposes.  This not only means that in those cases we put all the organs taking part to the digestion under unnecessary stress, but also that we deprive the other body systems and organs responsible for other fundamental body functions of the energy they need in order to perform as they should.  The consequence of this is that not only the digestive process requires longer time and more efforts but also that all other functions are impaired, overloaded and put under a great deal of pressure.

Juicing on the other hand, can help us not only to have a better diet regimen by helping us to reduce or even to completely eliminate the consume of animal proteins which requires,  especially when eaten regularly and/or in great amount as most of westerners seem to do, more energy to be digested, but also facilitates the digestion and absorption of a higher amount of all sorts of precious nutrients, that is vitamins, minerals, and anti-oxidants, we would not otherwise be able to consume if eaten as simple raw or cooked vegetables.  That said, besides helping you to detoxify and to boost your immune system, juicing can also be used to prevent nutrition-related disease and also help in the healing process no matter what health issue we might be affected with, be it an acute, a chronic, or even a debilitating, degenerative one.

In her book Raw Juices Can Save Your Life author Sandra Cabot, physician, writes about her grandmother experience.  When in her twenties, Mrs Susannah Dalton was diagnosed with glomerulonephritis, a severe kidney disease in which “the immune system attacks the tubules of the kidneys causing widespread kidney inflammation and blood and proteins in the urine.”  The doctors at the hospital told Mrs. Dalton’s husband that there was nothing else they could do, which might have sounded pretty much like a death sentence.

Thanks to his expertise in nutrition, Mr. Harry took his wife home and started a raw juicing regimen giving her a glass of raw vegetable juice every hour, alternating “from vegetable growing above the ground and from vegetable growing below the ground.”  This allowed Susannah to gradually regain her health with her kidneys going back to their normal function.  All of this was possible thanks to all the vitamins, minerals and anti-oxidants contained in the juices she consumed.  She died after a pretty active life at the age of 78.

Another inspirational story is that of Jay Kordich, also known as “the Juiceman”, who has been among the very first and most active advocates to promote juicing in order to maintain and even restore one’s health.  According to his statements, Kordich was able to completely heal his bladder cancer which affected him some 50 years ago, by refusing conventional therapies such as chemio and radio and rather drinking some 13 glasses of carrot and apple juice per day.  In so doing, he proved to be a follower of Norman Walker and Max Gerson, two physicians who spread the notion of the fundamental role that raw foods and juicing play in our health.

In conclusion, no matter what kind of diet regimen you prefer or whether you use juicing to help your body to stay healthy, to work towards optimum health, to prevent nutrition related disease or even to facilitate you inner body mechanism so that healing can occur naturally, the truth is that you will always greatly benefit from it.


References:

Cabot, S. (2001). Raw Juices Can Save Your Life! Introduction. (p. 8). Glendale, AZ: SCB International Inc.


Updike, R. (11 November 1991). Juicy role is making him famous. (Article published on the Seattle Times). Retrieved June 12, 2014 from http://community.seattletimes.nwsource.com/archive/?date=19911111&slug=1316616.



Disclaimer

The information above are intended for educational purpose only and not as a medical advice. Whatever your situation, please consult with your physician first. For more information about how I can assist you as a Traditional Naturopath, Classical Homeopath and Nutritional Consultant, feel free to contact me at info@dedoholistic.com



L’arte delle spremute

Dott.ssa Maria Teresa De Donato 

Naturopata Tradizionale, Consulente Olistica Nutrizione ed Erbalismo, Omeopata



Sebbene l’arte delle spremute sia piuttosto antica, la maggioranza di noi sin dall’infanzia ha acquistato maggior familiarità con la tipologia a base di frutta che non con quella a base di verdura.  Nel corso degli ultimi decenni, tuttavia, insieme al movimento che promulga l’uso di cibi crudi, la tecnica delle spremute – sia di frutta che di verdura o un misto di entrambe – si è diffusa ampliamente in tutto il mondo. 

Perché?  Perché oltre ad essere facile da preparare, le spremute di frutta e verdura cruda sono ricche di principi nutritivi e, specialmente se comprate biologiche, possono dare un forte impulso al sistema immunologico come nessun altro cibo è in grado di fare.  Inoltre, non bisogna dimenticare che la spremuta permette una facile digestione ed un altrettanto facile assorbimento delle sostanze nutritive.  Il processo digestivo, infatti, svolge un ruolo di fondamentale importanza per la nostra salute ed il nostro benessere per vari motivi.  Prima di tutto, vale la pena considerare che il nostro corpo indirizza circa l’80% delle energie a sua disposizione proprio al processo di digestione lasciando il restante 20% da dividere tra tutte le altri funzioni che il corpo esplica.  Questo implica che quando noi mangiamo troppo o mangiamo cibi privi di valore nutritivo, non sani o semplicemente combinazioni di cibi errate e che quindi richiedono uno sforzo maggiore per essere digeriti, il corpo prende le ulteriori energie di cui ha bisogno per svolgere le sue normali funzioni dal rimanente 20% che dovrebbe essere finalizzato ad altri scopi.  Ciò non significa solo che in questi casi noi sottoponiamo tutti gli organi che prendono parte alla digestione ad un inutile stress, ma anche che priviamo altri sistemi o altri organi del corpo responsabili di altre funzioni fondamentali delle energie di cui hanno bisogno per esplicare i compiti cui sono preposti e di farlo nel modo in cui dovrebbero.  Conseguenza di ciò è che non solo il processo digestivo dura più a lungo e lo sforzo richiesto è maggiore, ma anche che tutte le altre funzioni corporee vengono ostacolate, sovraccaricate e messe sotto particolare sforzo.

Le spremute, d’altro canto, possono aiutarci non solo ad avere una migliore alimentazione attraverso la riduzione o persino eliminazione di proteine animali che richiedono, specialmente quando usate regolarmente e/o in grandi quantità come sembrano fare molti occidentali, più energie perché vengano digerite, ma anche facilitare la digestione e l’assorbimento di un maggiore quantitativo di sostanze nutritive, cioè di vitamine, minerali ed antiossidanti, che altrimenti non saremmo in grado di consumare mangiando semplicemente vegetali crudi o cotti.  Quindi, oltre ad aiutare nella detossificazione e nel dare un forte impulso al sistema immunitario, le spremute possono essere anche usate per prevenire malattie legate all’alimentazione non sana nonché aiutare il processo di guarigione a prescindere che il problema di salute sia acuto, cronico o persino legato ad una malattia debilitante e/o degenerativa.

Nel suo libro Le spremute a crudo possono salvarti la vita! L’autrice, Dott.ssa Sandra Cabot, medico, riporta l’esperienza di sua nonna.  All’età di circa vent’anni, alla Sig.ra Susannah Dalton fu diagnosticata una glomerulonefrite, una malattia renale grave in cui “il sistema immunologico attacca i tubuli dei reni causando un’infiammazione estesa a tutto il rene nonché la presenza di sangue e proteine nelle urine.”  I medici dell'ospedale dissero al marito della Sig.ra Dalton che non c’era nient’altro che potessero fare, il che suonò, probabilmente, come una condanna a morte.  Tuttavia, grazie alle sue competenze in materia di nutrizione, il Sig. Harry portò sua moglie a casa ed iniziò un regime alimentare basato su spremute di cibi crudi facendole bere un bicchiere di spremuta di verdura cruda ogni ora alternando “una volta verdure che crescono al di sopra del terreno ed un’altra quelle che crescono sottoterra.”  Questo permise alla Sig.ra Susannah di recuperare gradualmente la sua salute e ai suoi reni di inizare a funzionare di nuovo normalmente.  Tutto ciò fu possibile grazie a tutte le vitamine, ai minerali e agli antiossidanti contenuti nelle sprenute da lei bevute. La signora condusse una vita attiva e morì all’età di 78 anni.

Un’altra storia che può ispirarci è quella di Jay Kordich, conosciuto anche come “Lo spremitore”, che è stato tra i primi e i più attivi promulgatori delle spremute al fine di preservare o ristabilire la propria salute.  Stando alla sua versione dei fatti, Kordich riuscì a curare completamente un cancro alla vescica che lo colpì circa 50 anni fa rifiutando terapie convenzionali come la chemio e la radio, ma piuttosto bevendo circa 13 bicchieri al giorno di succo di carota e mela.  Così facendo, ha dimostrato di essere un seguace di Norman Walker e Max Gerson, due medici che hanno divulgato in tutto il mondo il concetto del ruolo fondamentale che cibi crudi e spremute rivestono nella nostra salute.

Per concludere, a prescindere da quale sia la vostra alimentazione preferita o se usiate le spremute per aiutare il vostro corpo a restare sano, per raggiungere una salute ottimale, per prevenire malattie legate ad una cattiva alimentazione o persino per facilitare il meccanismo interno del corpo così da permettere che la guarigione avvenga in maniera naturale, in realtà ne beneficerete tutti del loro uso.


 Fonti:

Cabot, S. (2001). Raw Juices Can Save Your Life! Introduction. (p. 8). Glendale, AZ: SCB International Inc.


Updike, R. (11 November 1991). Juicy role is making him famous. (Article published on the Seattle Times). Retrieved June 12, 2014 from http://community.seattletimes.nwsource.com/archive/?date=19911111&slug=1316616.


Importante!

Le informazioni di cui sopra hanno solo scopo informativo e non devono sostituire il parere del medico. Qualunque sia la vostra situazione, consultate prima il vostro medico di fiducia. Per ulteriori informazioni su come posso assistervi in qualità di Naturopata Tradizionale, Omeopata Classica e Consulente Nutrizione ed Erbalismo, potete contattarmi scrivendo a info@dedoholistic.com



Per saperne di più sulla mia attività di Consulente Olistico della Salute e Coach, sui miei servizi e prodotti potete visitare i seguenti siti: