Thursday, December 4, 2014

Microbes, Immune System and Health: The germ is nothing, the terrain is everything

by


Maria Teresa De Donato, PhD, RND, CNC, CMH, CHom





After having spent most of his life studying and fighting germs as 'cause of diseases', Louis Pasteur, the famous French chemist founder of microbiology and immunology, ended up stating – just before dying - “The germ is nothing; the terrain is everything.” How was it possible for a man of science to reach such a conclusion which appeared right away as denying all his previous convictions and beliefs?  The answer, contrary to most people expectations, is quite simple.

Millions of microorganisms living all around us, such as bacteria, virus, parasites and fungi, try, at any single moment throughout our lives, to penetrate our body by means of the air we breath, the food we eat and our skin, and this, without even considering all those which already live inside of us, in our body's cavities. (1)

However, not all of them are harmful to our health.  This is, for instance, the case of the beneficial bacteria we all need to make our digestive system work properly.  We can help this kind of bacteria to grow and stay in balance by regularly eating foods containing probiotic bacteria such as traditionally fermented foods in the form of yogurt, kefir, sauerkraut and pickled vegetables, just to name a few.

But what about the microorganisms which can harm us?  Howe do we take care of them?

Our body is provided with an amazing self-defense mechanism, also known as immune system, able to recognize any pathogens which may cause an infection and a disease as consequence of it. Infections are colonies of either bacteria, viruses or fungi which might have penetrated and invaded our body and multiplied.  In some cases these colonies can represent a serious threat to our health by releasing toxins and by causing allergic reactions. Usually antibiotics are prescribed by allopathic physicians to restore health.  However, though they can be appropriate when dealing with life-threatening situations, their overuse is not recommended for several reasons: a) antibiotics are not effective in case of “viruses or inflammatory conditions”; b) they destroy indiscriminately both harmful and beneficial bacteria, this also causing “digestive and intestinal problems”; c) they can generate – as they have already done in many cases - “multiple-drug-resistant bacteria strains” which may pose a serious risk when dealing with certain issues and when attempting at restoring health in case of life-threatening conditions. (2)

When it works at its best, the immune system rarely fails, but is rather in a constant state of alert to identify potential enemies and destroy them.  This includes cancer cells as well which, according to our actual knowledge and understanding of the matter, regularly form in our body. (1)

The main reason why the immune system sometimes fails is because it has been weakened, when not even seriously compromised, for instance by the above cited use and/or overuse of antibiotics, pharmaceutical drugs in general, vaccinations and improper nutrition.  To the contrary, whenever we take all these factors into account and act consequently, we allow our self-defense mechanism to function correctly and, therefore, to fight all sorts of diseases and restore health.  In so doing, we prove – according to Pasteur's words - that “The germ is nothing; the terrain (= our organism and immune system) is everything.”

If you want to know more about what can harm your immune system and how to keep it healthy you can also read the following articles:






References
  1. Huch R. & Bauer, C. (2003). Mensch Körper Krankheit. Kapitel 6: Infektion und Abwehr. (p. 80). Munchen-Jena, DE: Elsevier/Urban & Fisher (English: Man Body Disease – Infection and Defence)
  2. Trivieri, L. Jr., Anderson, J. W. (2002). Alternative Medicine – The Difinitive Guide (Second Edition). Health Conditions. Infection. (p. 1033). Berkeley, CA: Celestial Arts.

Disclaimer

The information above are for educational purpose only and not intended as a medical advice. If you want to know more about my activity and how I can assist you, you can check my web site at

Microbi, Sistema immunitario e Salute: Il germe è nulla, il terreno è tutto

Dott.ssa Maria Teresa De Donato 

Naturopata Tradizionale, Consulente Olistica Nutrizione ed Erbalismo, Omeopata




Dopo aver trascorso buona parte della sua vita studiando e combattendo i germi quali 'causa di malattie', Louis Pasteur, il famoso chimico francese fondatore della microbiologia e dell'immunologia, finì con il dichiarare, poco prima di morire, che “Il germe è nulla; il terreno è tutto.”.  Come fu possibile per un uomo di scienza pervenire ad una simile conclusione che apparì, sin dall'inizio, come un negare tutte le sue precedenti convinzioni e credenze?  La risposta, per quanto possa sembrar strano, è piuttosto semplice.

Milioni di microrganismi che vivono intorno a noi, quali ad esempio batteri, virus, parassiti e funghi, tentano, in ogni istante della nostra vita, di entrare nel nostro corpo attraverso l'aria che respiriamo, il cibo che mangiamo e la nostra pelle, e questo senza nemmeno considerare tutti quelli che già vivono nelle cavità del nostro organismo. (1)

Malgrado ciò, non tutti i microbi sono dannosi alla nostra salute.  Questo, ad esempio, è il caso dei batteri benefici di cui noi tutti abbiamo bisogno affinché il nostro sistema digestivo funzioni in maniera corretta.  Possiamo aiutare quest'ultima tipologia di batteri a crescere e a rimanere in uno stato di equilibrio mangiando regolarmente cibi contenenti batteri probiotici come quelli fermentati in maniera tradizionale, quali yogurt, kefir, crauti e sottaceti, per citarne solo alcuni.

Ma che dire dei microrganismi che possono danneggiarci?  Come li controlliamo?

Il nostro corpo è fornito di un incredibile meccanismo di autodifesa, conosciuto anche come 'sistema immunitario', che è in grado di riconoscere gli agenti patogeni che possono causare un'infezione ed una conseguente malattia.  Le infezioni sono colonie di batteri, virus o funghi che potrebbero essere penetrate nel nostro corpo, averlo invaso ed essersi moltiplicate.  In alcuni casi queste colonie possono costituire una seria minaccia per la nostra salute rilasciando tossine e causando reazioni allergiche. I medici allopatici generalmente prescrivono antibiotici per ripristinare lo stato di salute. Tuttavia, benché possano essere considerati appropriati in caso di situazioni in cui la stessa vita è a rischio, il loro uso eccessivo non è consigliato per varie ragioni: a) gli antibiotici non sono efficaci nei casi “di virus e di condizioni infiammatorie”; b) essi distruggono indiscriminatamente sia i batteri nocivi sia quelli benefici, il che causa “problemi digestivi ed intestinali”; c) possono generare – come infatti è accaduto in molti casi – “ceppi batterici multiresistenti ai farmaci” che pongono un serio rischio quando si affrontano determinate situazioni e si tenta di ristabilire la salute nei casi in cui la stessa sopravvivenza dell'individuo viene minacciata. (2)

Quando funziona correttamente, il sistema immunitario raramente viene meno alle sue funzioni, ma, al contrario, resta in uno stato vigile costante al fine di identificare potenziali nemici ed eliminarli. Questo include le stesse cellule cancerogene che, stando al nostro attuale livello di conoscenza e di comprensione in materia, si formano regolarmente nel nostro corpo. (1)

Il motivo principale per cui il sistema immunitario a volte viene meno al suo scopo, è che esso è stato indebolito, quando non addirittura seriamente compromesso, ad esempio dal sopracitato uso e/o abuso di antibiotici, farmaci in generale, vaccini e alimentazione non appropriata.  Al contrario, ogni volta che teniamo in considerazione questi fattori e agiamo di conseguenza, permettiamo al nostro meccanismo di autodifesa di funzionare correttamente e, perciò, di combattere qualcunque tipo di malattia e di ripristinare lo stato di salute.  Così facendo, potremo dimostrare la correttezza delle parole di Pasteur, e cioè che “Il germe non è nulla; il terreno (ossia il nostro organismo con il nostro sistema immunitario) è tutto.”


Note

  1. Huch R. & Bauer, C. (2003). Mensch Körper Krankheit. Kapitel 6: Infektion und Abwehr. (p. 80). Munchen-Jena, DE: Elsevier/Urban & Fisher (Italiano: Uomo Corpo Malattia – Infezione e Difesa)
  2. Trivieri, L. Jr., Anderson, J. W. (2002). Alternative Medicine – The Difinitive Guide (Second Edition). Health Conditions. Infection. (p. 1033). Berkeley, CA: Celestial Arts.

Importante!

Il materiale di cui sopra ha solo valore informativo e non è da considerarsi parere medico.

Tuesday, November 18, 2014

Candida Albicans (Candidiasis, Yeast Infection)

by


Maria Teresa De Donato, PhD, RND, CNC, CMH, CHom






Candida albicans is a fungus that manifests as yeast and filamentous cells creating opportunistic (= by pathogens) oral and genital infections in humans (1, 2) and an infection on the nail plate called candidal onychomycosis. It resembles a parasite infection. Its ideal environment is found in warm-blooded animals, especially in the digestive and vaginal tracts.

An overgrowth of yeast occupying the gastrointestinal tract generates a serious medical condition called candidiasis or yeast syndrome able to bring disruption in all body's systems and even morbidity and mortality in people with an already compromised immune system. Several factors contribute to candidiasis: among them there is a prolonged use of antibiotics and birth control pills, estrogen replacement therapy and elements such as environmental pollutants, like pesticides, industrial chemicals and heavy metals which, while destroying the body's beneficial bacteria, facilitate the fast growth and multiplication of harmful bacteria such as yeast. Antibiotics and steroids are also contained in most of the meats and animal proteins people consume (3), this increasing the intake in the human body to a much greater extent.

The high consume of simple carbohydrates (sugars, though also bread, pasta and pizza made of white flour are also included) is the first element responsible for yeast to prosper to such an extent as to damage our health by generating Candida. The latter has proven to be linked also to a high consume of alcohol “due to the combination of high sugar content in alcohol and the inability of alcoholics to assimilate nutrients.” (3) No need to say that by highly decreasing the “white” products and the sugar intake (even that contained in soda bevarages) yeast infection can be completely healed. Though depending on our kind of diet, generally speaking some 30 millions people may suffer from a Candida condition at any given time in their lives. Blood Tests, Stool Analysis and/or Electrodermal Biofeedback Screening are the methods used to dyagnose candidiasis.

But why is Candida so dangerous and how does it harm our organism? With its ongoing presence a yeast cell can produce more than 75 toxic substances able to damage the tissues, compromise our “immune system, glands, bladder, lung, liver and even our brain and nervous system”. (4) The yeast prospers to such an extent as to invade the gastrointestinal wall. In so doing, it destroys the protective barrier which separates the intestinal tract from the bloodstream. As consequence, toxic substances enter and pollute the body generating or even worsening an already existing state of auto-intoxication. This means that proteins and other food by-products which are not completely digested or eliminated can attack the immune system and cause serious allergic reactions, fatigue and other health issues. Once Candida and other harmful bacteria enter the bloodstream then soreness of the joints, chest pains, sinus and skin problems as well as many other conditions may arise.

Traditional Chinese Medicine (TCM) links Candida overgrowth, which is considered a immune inhibitor, to the concept of “dampness” characterized by “feeling of heaviness, sluggishness, mental dullness, possible infections with yeast and other microorganisms, and pathogenic moisture such as edema and excess mucus” (5) It can be transmitted from one person to the other through sexual intercourse. Candida is, therefore, a serious health problem which needs to be taken care of or, better said, prevented through healthy and balanced diet and lifestyle.

Acetaldehyde and ethanol are respectively the major waste product of yeast and the by-product. Anemia can occur in this case due to the fact that Candida makes the absorption of iron difficult when the tissues do not receive enough oxygen. Excessive fatigue and lack of energy at a cellular level step in because of ethanol. This also causes free radicals to be released, which accelerate the aging process. Symptoms related to the presence and overgrowth of Candida albicans are many and run from constipation to diarrhea, from colitis to abdominal pains, from sinus infections to acne, arthritis, depression, muscle and joint pains and many more.

While ignoring the root of the problem and not removing it, mainstream medicine deals with Candida through antibiotics. Nystatin (Nilstat or Mycostatin) and Ketoconazole (Nizoral) are the pharmaceutical drugs physicians usually prescribe in those cases. However, besides the fact that Nystatin has proven to cause insomnia, depression, anxiety and even paranoia in some patients, and Ketoconazole (Nizoral) liver damage, all of them may even worsen the situation in the long run by further destroying the good bacteria necessary to maintain the intestinal flora's balance and by weakening the immune system.

Hence, a good approach to Candida albicans (candidiasis, yest infections) consists in preventing it from happening in the first place through a proper and balanced nutrition and lifestyle habits and in following a complete detoxification program if the Candidiasis has already been diagnosed by a licensed physician.

To better understand why detoxifying the body is so important you can click on the following link

Disclaimer: The informations above are for educational purpose only and not intended as medical advice. Should you be under medical treatment for yeast infections (Candidiasis, Candida albicans) I can still assist you with a customized program to help you detoxify from the infection and the toxins accumulated through the use of antibiotics, to boost you immune system so that healing can occur completely and more quickly, and suggest a proper diet according to your personal needs.

References

1) Ryan KJ, Ray CG (editors) (2004). Sherris Medical Microbiology (4th ed.). McGraw Hill. ISBN 0-8385-8529-9.

2) d'Enfert C & Hube B (editors) (2007). Candida: Comparative and Functional Genomics. Caister  Academic Press. ISBN 978-1-904455-13-4.

3) Trivieri L., Anderson, J. W. (2002). Alternative Medicine – The Definitive Guide. Candidiasis (pp. 618-623). Second Edition. Berkeley, CA: Celestials Arts
4) GCNM (2008). Module 01. Nutritional Consultant (BSHH 401). NC 12: Toxicity & Detoxification. Candida Albicans (pp. 20-22)

5) Pitchford, P. (2002). Healing with Whole Foods – Asian Traditions and Modern Nutrition. Third Edition. Chapter Five: Interior/Exterior: Building Immunity. Candida Overgrowth: Immune Inhibitor (p. 71). Berkeley, CA: North Atlantic Books

Candida Albicans (Candidosi, Infezioni da lievito)

Dott.ssa Maria Teresa De Donato 

Naturopata Tradizionale, Consulente Olistica Nutrizione ed Erbalismo, Omeopata




La Candida albicans è un fungo che si manifesta come lievito e cellule filamentose creando, negli esseri umani, infezioni opportunistiche (= causate da agenti patogeni) orali o genitali (1, 2) ed un'infezione all'unghia chiamata onicomicosis da Candida. È simile ad un'infezione da parassita. Il suo ambiente ideale risiede negli animali a sangue caldo, specialmente nei tratti digestivo e vaginale.

Una crescita eccessiva di lievito che occupa il tratto gastrointestinale genera una condizione medica seria chiamata candidosi o sindrome da lievito ed è in grado di scombussolare tutti i sistemi del corpo umano causando anche morbidità e mortalità in individui con un sistema immunitario già compromesso. Vari fattori contribuiscono alla candidosi: tra essi, un uso prolungato di antibiotici e pillole anticoncezionali, estrogeni e terapia ormonale sostitutiva e fattori come agenti atmosferici inquinanti quali pesticidi, prodotti industriali chimici e metalli pesanti che, mentre distruggono la flora batterica benefica del corpo, facilitano la crescita e la moltiplicazione di batteri dannosi quali il lievito.
Antibiotici e steroidi sono contenuti anche nella maggior parte delle carni e delle proteine animali generalmente mangiate (3) il che ne aumenta grandemente il consumo.

L'elevato uso di carboidrati semplici (zuccheri - benché in questa categoria siano da includere anche pane, pasta e pizza fatti con farina bianca) è il primo elemento responsabile del prosperare del lievito in tale misura da danneggiare la nostra salute generando la Candida. Quest'ultima ha dimostrato di essere anche collegata ad un uso elevato di alcol “a causa della relazione tra l'alto contenuto di zuccheri nell'alcol e l'incapacità degli alcolizzati di assimilare le sostanze nutritive.” (3) Inutile dire che diminuendo notevolmente il consumo di prodotti “bianchi” e dello zucchero (incluso quello contenuto nelle bevande alla soda) l'infezione da lievito può essere completamente sanata. Pur variando nella sua intensità a seconda del nostro tipo di alimentazione, in linea generale circa 30 milioni di persone soffrono di Candida ad un certo punto della loro vita. Analisi del sangue, delle feci e controllo elettrodermale biofeedback sono le metolodologie usate per diagnosticare la Candida.

Ma perché la Candida è così pericolosa ed in quale modo danneggia il nostro organismo? Con la sua continua presenza una cellula di lievito può produrre più di 75 sostanze tossiche in grado di impattare negativamente il nostro “sistema immunitario, ghiandole, vescica, polmoni, fegato e persino il nostro cervello ed il nostro sistema nervoso.” (4) Il lievito prospera fino al punto da invadere la parete gastrointestinale. Così facendo distrugge la barriera protettiva che separa il tratto intestinale dal flusso sanguigno. Di conseguenza, le sostanze tossiche entrano ed inquinano il corpo o persino peggiorano una condizione di autointossicazione già esistente. Ciò significa che proteine ed altri sottoprodotti di origine alimentare che non vengono completamente digeriti o eliminati possono attaccare il sistema immunitario e causare serie reazioni allergiche, affaticamento ed altri problemi di salute. Una volta che la Candida ed altri batteri dannosi entrano nel flusso sanguigno possono manifestarsi indolenzimento delle articolazioni, dolori al petto, sinusite, problemi di pelle e molte altre condizioni cliniche.

La Medicina Tradizionale Cinese (TCM) collega l'eccessiva crescita della Candida, che è considerata un inibitore immunologico, al concetto di “umidità” caratterizzato da “sensazione di pesantezza, indolenza, facoltà mentali annebbiate, possibili infezioni da lievito e da altri microorganismi, e umidità causata da agenti patogeni quali edema ed eccesso di muco.” (5) Può essere trasmessa da una persona all'altra tramite rapporto sessuale. La Candida è perciò un serio problema di salute che necessita della massima attenzione o, per meglio dire, che è meglio prevenire attraverso un'alimentazione ed uno stile di vita sani ed equilibrati.

Acetoldeide ed etanolo sono rispettivamente lo scarto maggiore del lievito ed il sottoprodotto. In questi casi può verificarsi anemia poiché la Candida rende difficile l'assorbimento del ferro quando i tessuti non ricevono sufficiente ossigeno. Eccesso di stanchezza e mancanza di energia a livello cellulare sopraggiungono a causa dell'etanolo. Questo consente il rilascio di radicali liberi, cosa che accelera il processo di invecchiamento. Sintomi legati alla presenza della Candida albicans sono numerosi e vanno dalla costipazione alla diarrea, dalla colite ai dolori addominali, dalle infezioni dovute alla sinusite all'acne, all'artrite, alla depressione, ai dolori muscolari e delle articolazioni e a molti altri.

Ignorando la radice del problema e non eliminandola, la medicina tradizionale affronta la Candida con antibiotici. Nystatin (Nilstat o Mycostatin), Ketoconazole (Nizoral) sono i prodotti farmaceutici generalmente prescritti in questi casi dai medici. Tuttavia, oltre al fatto che Nystatin ha dimostrato di causare insonnia, depressione, ansia e persino paranoia in alcuni pazienti, e Ketoconazole (Nizoral) danni al fegato, tutti questi prodotti possono persino peggiorare la situazione nel tempo distruggendo ulteriormente la flora batterica benefica necessaria al mantenimento dell'equilibrio della flora intestinale e continuando ad indebolire il sistema immunitario.

Un buon approccio alla Candida albicans (candidosi, infezioni da lievito) consiste, perciò, nel prevenirla attraverso abitudini alimentari e di stili di vita appropriati ed equilibrati ed attraverso un programma di completa disintossicazione nel caso in cui la Candida fosse stata già diagnosticata da un medico abilitato all'esercizio della professione. Per maggiori chiarimenti sul perché disintossicare il corpo sia così importante potete cliccare sul seguente link http://www.environmentalhealthanddesign-dedoholistic.com/limportanza-della-detossificazione-nel-nostro-tossico-mondo/ e contattarmi a info@dedoholistic.com

Importante: Le informazioni di cui sopra hanno solo scopo informativo e non sono da intendersi come parere medico. Nel caso steste seguendo un trattamento medico per infezioni da lievito (candidosi, Candida albicans) potrò assistervi tramite un programma individualizzato che vi aiuti a detossificarvi dall'infezione (dovuta alla Candida) e dalle tossine accumulate attraverso l'uso di antibiotici, a rafforzare il vostro sistema immunitario in modo tale da favorire una completa e più rapida guarigione e suggerirvi una dieta alimentare appropriata che tenga in considerazione i vostri bisogni specifici.

Note:

1) Ryan KJ, Ray CG (editors) (2004). Sherris Medical Microbiology (4th ed.). McGraw Hill. ISBN 0-8385-8529-9.

2) d'Enfert C & Hube B (editors) (2007). Candida: Comparative and Functional Genomics. Caister Academic Press. ISBN 978-1-904455-13-4.

3) Trivieri L., Anderson, J. W. (2002). Alternative Medicine – The Definitive Guide. Candidiasis (pp. 618-623). Second Edition. Berkeley, CA: Celestials Arts

4) GCNM (2008). Module 01. Nutritional Consultant (BSHH 401). NC 12: Toxicity & Detoxification. Candida Albicans (pp. 20-22)

5) Pitchford, P. (2002). Healing with Whole Foods – Asian Traditions and Modern Nutrition. Third Edition. Chapter Five: Interior/Exterior: Building Immunity. Candida Overgrowth: Immune Inhibitor (p. 71). Berkeley, CA: North Atlantic Books

Thursday, October 23, 2014

We Are What We Digest and Absorb: The Amazing World of Enzymes

by


Maria Teresa De Donato, PhD, RND, CNC, CMH, CHom




Despite the old saying going “We are what we eat” the true of the matter is that we are what we are able to digest and absorb. In fact, unless the food we eat can be both digested and absorbed, their nutrients cannot accomplish their purpose, that is to nourish our body.

In this regard, the enzymes, which are chemical compounds, play a major role by digesting and breaking down into smaller parts the food we eat. As consequence of their activity, proteins are reduced to amino acids; complex carbohydrates to simple sugars; and fat to fatty acids and glycerol. In so doing, enzymes act as catalysts of biochemical reactions in all living creatures. Being catalysts means that they are substances able to accelerate the chemical reaction so that the metabolism can work properly and faster in order to sustain life.

When we speak about enzymes it's important to understand a couple of things: first, that though enzymes are catalysts not all catalysts fall into the category of enzymes, and secondly, that despite many may describe enzymes as special proteins containing energy, their energy is limited and the enzymes work as long as they have that energy. Once they run out of energy their activity as catalysts ends and they become normal proteins.

Though enzymes are not alive and, consequently, do not die, they can, however, become either “inactive” or denatured”. Their inactivity may be caused by “lack of water, an incompatible temperature or incompatible pH” (acid/alkaline level) and when they reach that state their function as catalysts ends preventing them from facilitating the digestive process. By becoming “denatured”, their activity stops. Simply stated, in order to function and to do so at their best, enzymes require two components at their optimal range: pH and temperature.

Nutrients are what the body needs to produce enzymes for a deficiency in nutrients results in deficiency in enzymes, this meaning that not only the body will be deprived by the required amount of nutrients it needs to stay healthy, but also that it won't be able to properly use the nutrients it is provided with, this increasing your enzymes deficiency to an even greater extent. A good example could be zinc.

Zinc helps to produce both stomach acid and proteases, which are enzymes acting as catalysts for proteins. Being zinc deficient means that the person won't be able to break down proteins properly, this negatively impacting several organ systems, including the skin, gastrointestinal tract, central nervous system, and immune, skeletal, and reproductive systems.

Furthermore, since zinc deficiency is usually characterized by the intestinal wall not being completely intact, the result will be that the food particles which cannot be digested may penetrate the body ending up where they shouldn't. As consequence, the body will identify them as invaders, attack them, and, more often than not, cause food allergies. Once a food has been identified as an allergen, every time it is eaten the reaction in the gut will produce inflammation, the latter leading to an unbalance of the beneficial bacteria and other microorganisms in the gut.

Food allergies linked to digestive enzymes deficiency are usually responsible for your digestive disorders, this including indigestion, bloating, flatulence, digestive pain, colitis, irritable bowel syndrome, Crohn's disease or yeast infection.

The main categories of digestive enzymes are:

a) AMYLASE, which digest carbohydrates;
b) PROTEASE, which digest proteins; and
c) LIPASE, which digest fat.

Ideally, to get the best enzymes from Nature, we should eat its products, mainly fruits and vegetables, as soon as we harvest them or as soon as possible after having harvested them. The reason for this is that from the moment we remove the produces from their source which keeps them alive – be it a tree or a plant – they start losing their properties. If, to the contrary, we eat them right away without waiting hours, days, weeks or even months from the time we have harvested them, we will get the most of their nutrients and enzymes. This will facilitate and optimize both our digestion and the absorption process. Eating raw food, is consequently, the best way to boast our enzyme intake for cooking destroys enzymes.

Foods such as apples, grapes and mangoes contain the antioxidant enzymes peroxidase and catalase which both help fighting free radicals. Legumes, to the contrary, must be cooked or sprouted in order to be digested and absorbed. Only by cooking or sprouting them, in fact, their antienzyme factor can be eliminated. No need to say that legumes are very beneficial and extremely healthy and should be regularly used on our table since they are not only reach in fibers, which help the digestion process and keep our colon clean, but constitute also an excellent alternative to meat by being a precious source of (vegetable) proteins.

In conclusion, most of the diseases we know are the consequence of malnutrition and/or of enzymes deficiency: among them are some types of cancer and other debilitating diseases. In order to stay healthy we do need, therefore, to understand the fundamental role the enzymes play in our health and make sure through a proper and balanced diet that our body takes them in the right amount and quality it needs so that we can enjoy optimum health for as long as possible.

References:

Holford P. (2004). The New Optimum Nutrition Bible. Enzymes – The keys to life (pp. 154, 155). New York, NY: Random House/Crossing Press

Bohager T. (2006). Enzymes: What The Experts Know. Chapter One: What are Enzymes? (pp. 7-14)
Prescott, AZ: One World Press

Siamo ciò che digeriamo ed assorbiamo: L'incredibile mondo degli enzimi

Dott.ssa Maria Teresa De Donato 

Naturopata Tradizionale, Consulente Olistica Nutrizione ed Erbalismo, Omeopata





Malgrado il proverbio affermi che “Siamo ciò che mangiamo” in realtà noi siamo ciò che riusciamo a digerire e ad assorbire. Infatti, a meno che il cibo che mangiamo non venga sia digerito che assorbito, le sostanze nutritive in esso contenute non possono raggiungere il loro scopo, ossia nutrire il nostro corpo.

A questo riguardo, gli enzimi, che sono componenti chimici, rivestono un ruolo fondamentale nella digestione e nella riduzione in piccole quantità del cibo che mangiamo. Grazie alla loro attività, le proteine vengono ridotte in amino acidi, i carboidrati complessi in zuccheri semplici, ed i grassi in acidi grassi e glicerolo. In questo modo gli enzimi fungono da catalizzatori di reazioni biochimiche in tutte le creature viventi. Il fatto che siano catalizzatori significa che essi sono sostanze in grado di accelerare la reazione chimica in modo tale che il metabolismo possa funzionare in modo appropriato e più velocemente e sostenere così la vita.

Quando si parla di enzimi è importante capire un paio di cose: primo, che benché gli enzimi siano catalizzatori non tutti i catalizzatori appartengono alla categoria enzimi; e secondo, che malgrado molti descrivano gli enzimi come proteine speciali che contengono energia, quest'ultima è limitata e gli enzimi funzionano fin quando ne hanno. Una volta che l'energia finisce, la loro attività quale catalizzatori si esaurisce ed essi diventano proteine normali.

Benché gli enzimi non siano vivi e, di conseguenza, non muoiano, possono, tuttavia, diventare “inattivi” o “denaturati”. La loro inattività può essere causata da “carenza di acqua, una temperatura incompatibile o un pH incompatibile (livello acido/alcalino)” e quando raggiungono quello stato la loro funzione di catalizzatori finisce impendendo loro di contribuire al processo digestivo. Una volta che diventano “denaturati” la loro attività cessa. Detto in parole semplici, per poter funzionare e funzionare al meglio, gli enzimi hanno bisogno di due componenti al loro stato ottimale: pH e temperatura.

Le sostanze nutritive sono ciò di cui il corpo ha bisogno per produrre enzimi poiché una carenza di sostanze nutritive avrà come conseguenza una carenza di enzimi, il che significa che non solo il corpo sarà privato della quantità di sostanze nutritive di cui necessita per rimanere in salute, ma anche che non sarà in grado di usare le sostanze nutritive fornitegli il che porterà ad incrementare ulteriormente la carenza enzimatica. Un buon esempio può essere lo zinco.

Lo zinco aiuta a produrre sia acidità di stomaco sia le proteasi, che sono enzimi che agiscono da catalizzatori per le proteine. Essere carenti in zinco significa che la persona non sarà in grado di scomporre le proteine correttamente, il che avrà ripercussioni negative sui vari sistemi di organi, inclusi pelle, tratto gastrointestinale, sistema nervoso centrale, immunitario, scheletrico e riproduttivo.

Inoltre, poiché una carenza di zinco è caratterizzata generalmente da una parete intestinale non completamente intatta, il risultato sarà che le particelle di cibo che non possono essere digerite rischieranno di penetrare nel corpo finendo laddove non dovrebbero. A quel punto il corpo le identificherà come invasori, attaccandole e, molto spesso, causando allergie alimentari. Una volta che un cibo è stato identificato (dal corpo) come allergene, ogni volta che lo si mangerà la reazione all'interno dell'intestino causerà un'infiammazione, la quale a sua volta porterà ad uno squilibrio a livello di flora batterica benefica ed altri microorganismi presenti nell'intestino.

Le allergie alimentari legate alla carenza di enzimi della digestione sono, generalmente, le responsabili dei vostri problemi digestivi, inclusi indigestione, gonfiori al ventre, flatulenze, dolori digestivi, coliti, sindrome del colon irritabile, morbo di Crohn e Candida albicans.

Le principali categorie di enzimi della digestione sono:

a) l'amylase, che digerisce i carboidrati;
b) la protease, che digerisce le proteine; e
c) la lipasi, che digerisce il grasso.

Per ottenere i migliori enzimi in Natura, l'ideale sarebbe mangiarne i suoi prodotti, prevalentemente frutta e verdura, non appena sono raccolti o quanto prima possibile dopo che lo sono stati. Il motivo per cui sarebbe opportuno seguire questa procedura è legato al fatto che dal momento in cui rimuoviamo tali prodotti dalla fonte che li tiene in vita – che sia un albero o una pianta – essi iniziano a perdere le loro proprietà nutritive. Se, al contrario, li mangiamo immediatamente senza aspettare ore, giorni, settimane, o persino mesi, otteniamo il meglio in quanto a (qualità e quantità di) sostanze nutritive e di enzimi. Questo faciliterà ed ottimizzerà sia la nostra digestione sia il processo di assorbimento di tali sostanze. Mangiare cibi crudi, quindi, (frutta ed ortaggi) è il modo migliore per incrementare al massimo il nostro consumo di enzimi poiché la cottura li distrugge.

Cibi come mele, uva e mango contengono gli enzimi antiossidanti peroxidase e catalase i quali aiutano nella lotta contro i radicali liberi. I legumi, al contrario, devono essere cotti o fatti germogliare affinché possano essere digeriti ed assorbiti. Solamente se cotti o fatti germogliare, infatti, il loro fattore antienzimatico può essere eliminato. Inutile dire che i legumi sono molto benefici ed estrememente salutari e dovrebbero essere usati regolarmente a tavola essendo ricchi di fibre, per cui favoriscono la digestione e mantengono il colon pulito, ma anche perché costituiscono un'eccellente alternativa alla carne essendo una preziosa fonte di proteine (vegetali).

Per concludere, la maggior parte delle malattie a noi conosciute sono la conseguenza di malnutrizione/denutrizione e/o di carenza di enzimi: tra queste vi sono alcune tipologie di cancro e di altre malattie debilitanti. Per restare sani abbiamo, quindi, realmente bisogno di capire il ruolo fondamentale che gli enzimi hanno nella nostra salute ed assicurarci, attraverso un'alimentazione corretta ed equilibrata, che il nostro corpo ne riceva la giusta quantità e qualità di cui ha bisogno affinché possiamo godere di una salute ottimale il più a lungo possibile.


Note:

Holford P. (2004). The New Optimum Nutrition Bible. Enzymes – The keys to life (pp. 154, 155). New York, NY: Random House/Crossing Press

Bohager T. (2006). Enzymes: What The Experts Know. Chapter One: What are Enzymes? (pp. 7-14)
Prescott, AZ: One World Press



Per saperne di più sulla mia attività di Consulente Olistico della Salute e Coach, sui miei servizi e prodotti potete visitare i seguenti siti:








Monday, September 15, 2014

Magnetismo, biomagnetismo e salute umana

Dott.ssa Maria Teresa De Donato 

Naturopata Tradizionale, Consulente Olistica Nutrizione ed Erbalismo, Omeopata






Per secoli il mondo occidentale ha mostrato un notevole scetticismo nei confronti del biomagnetismo e solo in tempi relativamente recenti ha iniziato a riconoscerne i suoi potenziali, benefici effetti sulla salute umana. Al contrario, altre civiltà – da quella indiana a quella cinese, da quelle del Mediterraneo orientale a quella degli aborigeni australiani e degli indigeni africani fino a risalire a quella degli antichi Egizi, i cui sacerdoti usavano magneti in alcuni dei loro rituali religiosi - tutte ne hanno fatto uso benché, probabilmente, non ne comprendessero completamente la sua dinamica.

Malgrado ciò, questi popoli non dubitarono mai della loro efficacia e validità intrinseche malgrado alcuni dei loro membri fossero medici, fisici o ricercatori che cercavano di progredire nei loro studi in materia e migliorare la comprensione di esso e la sua possibile ed ulteriore applicabilità nella sfera della salute umana. Tra questi ci furono il medico greco Galeno, che testimoniò come il magnetismo venisse usato per le sue proprietà purgative già intorno al 200 a.C.; il medico persiano Ali Abbas, che lo usò per il trattamento di spasmi e gotta; il medico svizzero Paracelso, che si avvalse di questa metodologia per curare ernia, gotta ed ittero; ed il chirurgo francese Ambroise Paré, che nel XVI secolo applicò questa tecnica per curare ferite aperte e lesioni.

Benché il magnetismo affondi le radici nel lontano passato, con i Cinesi che usavano la bussola già intorno all'anno 100 d.C. ed Arabi, Vichinghi ed Europei che utilizzarono magneti durante la navigazione sin dal Medioevo, il termine biomagnetismo è più recente. Quest'ultimo, infatti, si riferisce al fenomeno dei campi magnetici prodotti da organismi viventi e alla loro interazione con il campo magnetico terrestre ed i campi magnetici artificiali aventi intensità pari o simile.

Durante gli scorsi decenni, tre scienziati in particolare sono riusciti a realizzare progressi notevoli nei campi del magnetismo e del biomagnetismo: David Cohen, John Wikswo e Samuel Williamson. David Cohen, dottore in fisica nucleare sperimentale, attualmente membro di facoltà alla Harvard Medical School, era interessato a lavorare con magneti di grandi dimensioni. Nel 1963 ebbe l'idea di creare una stanza magneticamente schermata per proteggere le persone dalle influenze magnetiche esterne, così come veniva fatto nei casi di esperimenti nucleari. Questo gli permise, in seguito, di ottenere segnali più chiari che gli consentirono di verificare il campo magnetico del cuore. Proseguì le sue ricerche per ottenere una schermata magnetica più completa finendo, nel 1969, con il costruire una stanza schermata più complessa al MIT (Massachusetts Institute of Technology) al tempo in cui James Zimmerman coinventava il dispositivo superconduttore a interferenza quantistica (SQUID), un rivelatore piuttosto sensibile che i due usarono nella nuova camera schermata appena costruita per verificare il segnale del cuore. I segnali, ora chiari, consentirono a Cohen di creare alla fine la 'magna carta del biomagnetismo'. Egli fu il primo a misurare un chiaro MEG (magnetoencephalografy). Per questo motivo (Cohen) fu nominato il padre del MEG.

John Wikswo, fisico biologico, ha lavorato nei settori del biomagnetismo e dell'elettrofisica cardiaca, ossia la scienza che studia le attività elettriche del cuore, e il magnetocardiogramma (MCG), un metodo che permette di misurare i campi magnetici prodotti dall'attività elettrica del cuore. Grazie all'impiego del magnetometro SQUID, nel 1980, (Wikswo) fu il primo a misurare il campo magnetico attraverso un fascio di nervi di rana rilevandone la corrente indotta. Insieme a Ken Swinney, Wikswo fu in grado di calcolare il campo magnetico del nervo assone.  Samuel Williamson, fisico e neuroscienziato, sviluppò insieme ad altri l'MSI (magnetic source imaging), una tecnica che usò per visualizzare e studiare l'attività cerebrale, soprattutto quella legata alla vista e all'udito.

Oggi l'uso dei magneti e di altri dispositivi nel settore medico è ampiamente diffuso ed anche considerato uno degli strumenti più efficaci nella diagnosi delle malattie.  Gli esempi più conosciuti sono l'MRI (magnetic resonance imaging), che ha sostituito la diagnosi a raggi X grazie al fatto che l'MRI è più sicura ed anche più precisa, e il magnetoencefalogramma quale strumento atto alla registrazione dell'attività elettrica del cervello.

Secondo il Dr. Wolfgang Ludwig, Direttore dell'Istituto di Biofisica di Horb in Germania, il motivo per cui la terapia dei campi magnetici funziona dipende dal fatto che questa “penetra l'intero corpo ed è in grado di curare ogni suo organo senza gli effetti collaterali [dovuti all'impiego di prodotti] chimici.” (Trivieri & Anderson, 2002, p. 326)  Ne consegue che questo metodo può essere applicato ad un'ampia varietà di problemi di salute che va dal “cancro alle malattie reumatiche, dalle infezioni e infiammazioni all'insonnia e ai disturbi del sonno, dai problemi legati alla circolazione alle fratture e al dolore e persino allo stress ambientale.” (Trivieri & Anderson, 2002, p. 327)

La sua efficacia – come il Dr. Zimmerman, Presidente del Bio-Electro-Magnetics Institute di Reno, Nevada, afferma – dipende dal fatto che “il sistema nervoso del corpo [umano] è regolato, in parte, da modelli variabili di correnti ioniche e campi elettromagnetici.” Questo significa che i campi magnetici, prodotti o da magneti o da dispositivi che generano elettromagnetismo, penetrano il corpo andando ad impattare il funzionamento del sistema nervoso e delle cellule attraverso la stimolazione del metabolismo e l'aumento del livello di ossigeno all'interno di ogni cellula. (p. 328)

Importante: Le informazioni di cui sopra hanno solo scopo educativo e non sono da intendersi come parere medico.  Qualunque sia il vostro problema di salute, che abbiate o di cui siate solo preoccupati, consultate prima il vostro medico.  Per qualsiasi altra informazione su come io possa aiutarvi scrivetemi a info@dedoholistic.com 


Fonti:

Wikipedia: Text of Creative Commons Attribution-ShareAlike

Alternative Medicine – The Definitive Guide. (Trivieri & Anderson, 2002, pp 326-328)


Magnet Therapy – The Gentle and Effective Way to Balance Body Systems (Birla & Hemlin, 1999, pp. 1-13)


Magnetism, Biomagnetism and Human Health



by


Maria Teresa De Donato, PhD, RND, CNC, CMH, CHom






For centuries the Western world has shown a great skepticism towards biomagnetism and only in relatively recent times started to recognize its potential, beneficial effects on human health. To the contrary, other civilizations, from the Indians to the Chinese, from the Eastern Mediterranean to the Australian Aboriginals and from the native Africans going back to the ancient Egyptians, whose priests used magnets in some of their religious rituals, they all made use of it though probably not completely understanding its dynamics.

Despite that, they never doubted about its intrinsic efficacy and validity with some among them being either physicians, physicists or researchers trying to move a step forward in order to improve the understanding of it and its possible application in the sphere of human health. Among them, there were the Greek physician Galen, who witnessed magnetism being used for its purgative powers around 200 B.C.; the Persian physician Ali Abbas, who used it to treat spasm and gout; the Swiss physician Paracelsus, who used this methodology to cure hernias, gout and jaundice; and the French surgeon Ambroise Paré who, in the sixteenth century, applied this technique to cure open wounds and injuries.

Although magnetism dates back to very ancient times with the Chinese using the compass already around A.D. 100 and the Arabs, Vikings and Europeans utilizing magnets in navigation during the Middle Age, the term biomagnetism is more recent. It refers to the phenomenon of magnet fields produced by living organisms and their interaction with the earth's magnetic field and artificial magnets fields which may have the same or similar intensity.

During the last several decades, three scientists in particular were able to make some breakthroughs in the fields of magnetism and biomagnetism: David Cohen, John Wikswo and Samuel Williamson.
David Cohen, a PhD physicist in experimental nuclear physics, now faculty member at the Harvard Medical School, was interested in working with large magnets. In 1963 he came up with the idea of creating a magnetically shielded room to protect people from external magnetic influences, like it was done in the case of nuclear experiments. This allowed him, later on, to obtain clearer signals which enabled him to verify the heart's magnetic field. He went on with further research to obtain a more complete magnetic shielding ending up, in 1969, to the building of a more complex shielded room at MIT (Massachusetts Institute of Technology). At the same time James Zimmerman co-invented the radio-frequency superconducting quantum interference device (SQUID), a quite sensitive detector which the two used in the new built shielded room to check the body's heart signal. The now clear signals enabled Cohen to finally create the “magna carta of biomagnetism”. He was the first to measure a clear MEG (Magnetoencephalography). For this reason he was also named the father of the MEG.

John Wikswo, a biological physicist, has been working on biomagnetism and cardiac electrophysiology, that is the science which studies the electrical activities of the heart, and magnetocardiography (MCG), a method which allows to measure the magnetic fields produced by electrical activity in the heart. Through the use of a SQUID magnetometer, in 1980 he was the first to measure the magnetic field of an isolated nerve by threading a frog sciatic nerve through a wire-wound, fer rite-core toroid and detecting the induced current. Along with Ken Swinney, Wikswo was also able to calculate the magnetic filed of a nerve axon.

Samuel Williamson, a physicist and a neuroscientist, was the co-developer of magnetic source imaging (MSI), a technique he used to visualize and study brain activity especially in relation to vision and hearing.

Today the use of magnets and other electrical devices in the medical field is widely spread and also considered one of the most effective tools to diagnose illnesses. The most known examples are those of the MRI (magnetic resonance imaging), which has been replacing X-ray diagnosis due to the fact that MRI is safer and also more accurate, and magnetoencephalography as a tool to record brain's electrical activity.

According to Dr. Wolfgang Ludwig, PhD, Director of the Institute for Biophysics in Horb, Germany, the reason why magnetic field therapy works depends on the fact that it “penetrates the whole body and can treat every organ without chemical side effects.” (Trivieri & Anderson, 2002, p. 326) As consequence, this method can be applied to a wide range of health issues ranging from “cancer to rheumatoid disease, from infections and inflammation to insomnia and sleep disorders, from circulatory problems to fractures and pain and even environmental stress.” (p. 327)

Its efficacy is due to the fact that – as Dr. Zimmerman, PhD, President of the Bio-Electro-Magnetics Institute in Reno, Nevada, stated - “the body's nervous system is governed, in part, by varying patterns of ionic currents and electromagnetic fields.” This means that the magnetic fields, produced either by magnets or by electromagnetic generating devices, penetrate the human body impacting the functioning of the nervous system and cells by stimulating the metabolism and increasing the level of oxygen in each cell. (p. 328)

Disclaimer: The information above are intended for educational purpose only and not as a medical advice. Whatever health issue you might have or be concerned with, consult first with your physician. For any other information about how I can assist you, please contact me at info@dedoholistic.com

References:


Wikipedia: Text of Creative Commons Attribution-ShareAlike

Alternative Medicine – The Definitive Guide. (Trivieri & Anderson, 2002, pp 326-328)

Magnet Therapy – The Gentle and Effective Way to Balance Body Systems (Birla & Hemlin, 1999, pp. 1-13)



To know more about my holistic health practice and my coaching activity, please feel free to visit also the following sites: